you reporter

Adria

Coimpo, tre patteggiano e tre vanno a processo

I sei erano finiti al centro di un’indagine per la presunta attività di spandimento fanghi da depurazione

Coimpo, tre patteggiano e tre vanno a processo

Un sequestro eseguito alla Coimpo

In tre hanno patteggiato, gli altri tre, invece, affronteranno il processo. E’ questo l’esito dell’udienza davanti al gip di Venezia tenutasi questa mattina, nella quale Glenda Luise e Rossano Stocco e Alessia Pagnin hanno patteggiato una pena di otto mesi, sospesa. Gianni Pagnin, Mauro Luise e Mario Crepaldi, invece, affronteranno il dibattimento perché, da quanto si apprende, non in accordo con la clausola alla quale il giudice per le indagini preliminari voleva vincolare il patteggiamento e la sospensione condizionale della pena. Non solo, sono stati revocati i domiciliari a Gianni Pagnin e Mauro Luise.

 I sei erano finiti al centro di un’indagine per la presunta attività di spandimento fanghi da depurazione, che Coimpo e Agribiofert, avrebbero effettuato su terreni agricoli, senza i dovuti trattamenti previsti dalla legge. Un’udienza dalla quale sono stai esclusi tutti gli enti, i comitati e le associazioni ambientaliste che si erano presentati come parte offesa nel procedimento, e che avevano presentato istanza per assistere.

 L’indagine è “figlia” dell’inchiesta scaturita dopo la morte di quattro operai nel 2014, e riguarda lo smaltimento dei rifiuti entrati nello stabilimento di Ca’ Emo dopo quella data. Uno smaltimento che, secondo l’inchiesta della Dda di Venezia, aveva portato gli imputati ad utilizzare - invece di procedere ad un regolare trattamento - tutta una serie di terreni presi in affitto nella zona di Adria e di Pettorazza. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Turatti Group
Speciali: Sagra del pesce di Chioggia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl