you reporter

Adria verso le elezioni

Zaia: "L'ospedale non chiuderà, basta fandonie"

Il governatore del Veneto ad Adria assicura che non c'è alcun piano per chiudere l'ospedale di Adria. E sostiene l'avvocato Emanuela Beltrame: “E’ chiaro che la Regione si rapporta con tutti gli amministratori, tuttavia diventa più facile parlare con chi condivide le stesse idee e progettualità".

“Sono dei lazzaroni quelli che continuano a ripetere che l’ospedale chiuderà, lo vanno dicendo da diversi anni, continuo a smentirli e l’ospedale sta ancora al suo posto”: va giù pesante il governatore Luca Zaia arrivato in città oggi, mercoledì 6 giugno, intorno alle 13,30 per dare man forte a Emanuela Beltrame nella sua corsa a sindaco sostenuta da Lega a Forza Italia. Poi aggiunge: “Il problema non è che attacchino il sottoscritto, la Regione o la Lega, il problema serio è che a forza di ripeterlo lo fanno credere ai cittadini, soprattutto a quelli che hanno un familiare che necessita di un intervento o determinate terapie e così si creano in quella famiglia ulteriori preoccupazioni e disagi. Allora dico per l’ultima volta: portatemi le prove”.

Immigrazione e sicurezza sono stati gli altri temi affrontati sia pure nella breve sosta lampo fatta in piazza Groto. “Finalmente abbiamo un ministro dell’interno – ha affermato – che comincia a fare chiarezza sulla situazione dei profughi e soprattutto sui cosiddetti Cie, ossia centri di identificazione ed espulsione: chi non ha le carte in regola per stare da noi, deve in qualche modo tornarsene a casa”. Categorico anche sulla sicurezza, dichiarando che “alle forze dell’ordine va tolto il galateo per dar loro manganello e manette, inoltre prima di chiedere pene più severe, dobbiamo fare in modo che in questo Paese valga la legittima difesa e in caso di assalto debba pagare l’assalitore e non l’assalito”.

Non poteva mancare un riferimento sul governo nazionale. “L’alleanza di centrodestra è sempre valida: nel 2011 Forza Italia votò il governo Monti e noi no, eppure siamo andati avanti insieme e così continueremo a fare”.

Quindi l’appello a sostenere Emanuela. “E’ chiaro che la Regione si rapporta con tutti gli amministratori, tuttavia diventa più facile parlare con chi condivide le stesse idee e progettualità, a differenza di chi perde più tempo ad attaccarti su stampa e social. Sarà una bella sfida, ma sappiamo di poterla vincere”. L’incontro è terminato con un ricco buffet, aperto anche a candidati di altre liste, ma nella confusione è mancato il brindisi: Beltrame dovrà fare i dovuti scongiuri.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl