you reporter

Ambiente

Puliamo il mondo, i cinquanta sacchi della vergogna

Un gruppo di amici di Borgo Fiorito tra i volontari a raccogliere i rifiuti per l'iniziativa promossa da Legambiente

27/10/2018 - 16:30

“E’ semplicemente vergognoso constatare con mano l’inciviltà di tante persone che abbandonano i rifiuti ovunque”: è il commento di fine giornata di Ermes Bolzon a conclusione della manifestazione “Puliamo il mondo” svoltasi sabato 27 ottobre con punto di riferimento logistico e operativo il centro commerciale il Porto. La stragrande maggioranza di rifiuti abbandonati sono bottiglie in vetro e plastica, tanti guanti monouso, copertoni da auto e tanto altro ancora. Le zone ripulite sono l’area circostante piazzale Rovigno, un tratto arginale del Canalbianco in entrambi le parti, inoltre sotto il ponte della Chieppara è stata trovata una vera e propria discarica seminascosta tra le sterpaglie, già segnalata agli operatori competenti.

Comunque il referente locale di Legambiente chiude con un messaggio di speranza: “E’ bello vedere che ci sono tante persone, soprattutto giovani, che non si rassegnano alla maleducazione, al vandalismo e così hanno deciso di dedicare una mattinata a pulire dove gli altri sporcano: allora non conta tanto quello che è stato raccolto, e non è poco, ma l’esempio, il messaggio di sensibilizzazione che si vuole dare affinché si diffonda sempre più la cultura del rispetto dell’ambiente, che è rispetto per le persone, rispetto per la nostra salute, rispetto per migliorare la qualità della vita di tutti”.

Oltre una trentina le persone che hanno aderito alla manifestazione, anche se gli adriesi sono stati pochini, molti i volontari arrivati da Porto Viro e Taglio di Po, oltre a un gruppo di guardie Fipsas, ovvero della Federazione della pesca. Particolarmente gradita la partecipazione di otto amici richiedenti asilo presenti a Borgo Fiorito che si sono messi a disposizione per ripulire l’ambiente, dando la propria piena disponibilità per altre iniziative future.  E così al termine della mattinata sono stati raccolti una cinquantina di sacchi che sono stati accatastati in un angolo di piazzale Rovigno per dare a tutti un’immagine visiva della sporcizia che c’è in giro, per far sapere a tutti che bisogna dire basta, perché tutti sappiano che ognuno può fare la propria parte. E domani mattina arriverà un mezzo autorizzato di Ecoambiente che porterà via i sacchi della vergogna.

Un messaggio di incoraggiamento ai volontari è arrivato dall’assessore Andrea Micheletti che ha portato il saluto dell’amministrazione comunale. “Stiamo lavorando insieme alla terza commissione sul regolamento per il decoro urbano – ha affermato – Lunedì 5 alle 18 nella Case delle associazioni faremo un auditing per raccogliere pareri sul regolamento che é disponibile in bozza per la consultazione sul sito del comune”. Quindi ha ricordato che “grazie al regolamento sarà possibile punire non solo i grandi inquinatori ma anche affrontare i piccoli problemi che si incancreniscono spesso per mancanza di regole. L'ultimo regolamento risale infatti al 2003 ed è insufficiente e obsoleto per le esigenze attuali”. Un grande in bocca al lupo agli angeli custodi dell’ambiente è arrivato dalla direttrice del Porto Federica Pavani. “E’ un grande piacere mettersi a disposizione di questi volontari – ha sottolineato - è un bel segnale di speranza per tutti, speriamo che da domani ci sia un maleducato in meno”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl