Cerca

Centro servizi anziani

Legionella, l’emergenza persiste

Tutto tace nella casa di riposo e nemmeno il sindaco Barbierato è intervenuto

Legionella, l’emergenza persiste

La casa di riposo di Adria non riesce a liberarsi della legionella, più esattamente i responsabili della struttura non sono ancora riusciti a riportare il pericolo batterio nei limiti consentiti dalla legge. Così nei giorni scorsi è scattato il provvedimento per l’interruzione dell’uso di acqua calda e fredda in alcuni settori, in particolare nei reparti giallo e rosso. Il personale competente non solo ha avuto l’ordine di non utilizzare determinati punti di erogazione dell’acqua, ma è stato impartito di esporre dei cartelli affinché altri non possano farlo, per tutti quegli erogatori che sono risultati positivi. Il provvedimento resta ovviamente in vigore fino a quando ulteriori verifiche accerteranno che il batterio è sotto controllo.

Tutto porta a pensare, tuttavia, che la situazione sia più complicata di quanto finora presidenza e direzione abbiano voluto far credere, dal momento che la situazione di emergenza si trascina da almeno cinque mesi. Preoccupa in modo particolare il silenzio adottato dai vertici della struttura e dalla decisione di ospitare nelle scorse settimane personale esterno, in particolare bambini del Grest, quando ancora non era certo che il batterio era completamente sconfitto. Quindi in una situazione di potenziale pericolo. Così pure si fa sempre più imbarazzante la posizione del sindaco Omar Barbierato, primo responsabile della salute dei cittadini, rimasto finora passivo di fronte alle “rassicuranti” comunicazioni arrivate da riviera Sant’Andrea. Non è escluso che intenda fare dichiarazioni nel consiglio comunale di giovedì 29 agosto.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy