you reporter

Il caso

Baruffaldi nelle vesti di Sgarbi

Il rimprovero di Silvia Simoni: “Puoi criticare tutto, ma non modificare il lavoro un'altra persona”

Baruffaldi nelle vesti di Sgarbi

Paolo Baruffaldi ha vestito per un giorno i panni del provocatore alla Vittorio Sgarbi: l’allievo non ha superato il maestro, ma si è dimostrato degno allievo. Infatti senza la provocazione del consigliere della Lega, quasi sicuramente i tre giorni di esposizione della performance artistica di Andrea Dodicianni “Il peso delle parole” sarebbero passati non proprio inosservati, sicuramente sottotono. Gli unici ad accorgersi sarebbero stati quei cittadini che nella giornata di sabato e lunedì devono recarsi negli uffici comunali, perché l’installazione è stata allestita nell’atrio del municipio. E magari la stragrande maggioranza delle persone si sarebbe chiesto a che cosa servono quelle salme fantasma posate sul pavimento e coperte dal lenzuolo bianco. Infatti la scarsità di informazioni rende di difficile comprensione l’opera.

Tuttavia resta il fatto che Baruffaldi ha manomesso un’opera d’arte, coprendo con il tricolore quattro delle cinque salme e cambiando le diciture. Tra i pochissimi commenti degni di nota c’è quello di Silvia Simoni che spiega a Baruffaldi dove e perché ha sbagliato. “Mi dispiace - scrive - ma questo gesto non lo condivido affatto. Non entro nel merito di condividere o meno l’opera d’arte in sé e il messaggio che vuole lanciare, ma qui hai manomesso il lavoro artistico di qualcun altro. Se proprio non lo condividi e volevi esprimere la tua idea, potevi semplicemente replicarla in un posto lì vicino e ricrearla come la volevi tu. Basti fare l’esempio della Gioconda. Duchamp ha disegnato i baffi alla Gioconda, ma non è andato a disegnare sopra all'originale". Intanto lunedì è l’ultimo giorno per visitare l’installazione “Il peso delle parole” nell’androne di Palazzo Tassoni, ingresso libero.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: 354ª Fiera di Lendinara
speciali: Turatti Group

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl