you reporter

ADRIA

"Anche il Polesine vuole essere padrone a casa sua"

Il sindaco Barbierato interviene sulle nomine del consiglio direttivo dell’ente Parco

Rifiuti, Barbierato fa retromarcia

Omar Barbierato

"Faccio i miei più sinceri auguri al nuovo direttivo dell’ente  Parco del Delta del Po e al presidente Moreno Gasperini, dando la mia disponibilità a collaborare per far crescere il nostro territorio. L’atteggiamento di Adria sotto questa amministrazione è stato chiaro in questo suo primo anno nel posizionarsi politicamente come movimento civico polesano: difesa del diritto alla salute, difesa del diritto al lavoro che fosse la pesca o la richiesta della zona economica speciale, collaborazione all’interno delle partecipate affinché siano assicurate le migliori competenze all’interno dei consigli d’amministrazione. Siamo convinti che solo lavorando così, senza pregiudizi o posizioni di parte si possa provare a costruire qualcosa per il bene comune di tutti", sono le parole del sindaco di Adria Omar Barbierato.

"Dispiace constatare che la Regione e il presidente Luca Zaia abbiano ignorato la richiesta di noi Sindaci del Delta, riguardanti i nominativi dei componenti del consiglio direttivo. Proposta fatta all’unanimità e votata dalla Comunità del Parco il giorno della sua costituzione. Nella richiesta inviata alla regione inoltre, non viene proposto alcun nome alla carica di presidente del consiglio direttivo dell’ente parco. Non ascoltare i sindaci di un territorio significa non rispettare i cittadini in primis. I sindaci sono i rappresentanti politico amministrativi di tutte le persone. Sono sicuro che con i colleghi ci sarà la volontà di superare le mancanze della Regione e del Presidente, perché gli interessi dei cittadini vengono prima di qualsiasi questione politica e il vecchio metodo del divide et impera non attecchirà, perché è vero che siamo Polesani del Delta, ma non siamo nati ieri".

"Ho aspettato prima di rendere pubbliche queste riflessioni che porterò nel consiglio comunale di Adria lunedì - prosegue Barbierato - perché mi aspettavo di leggere in questi giorni degli interventi in merito al fatto che la Comunità del Parco non è stata ascoltata. Un silenzio stampa, dal quale si deduce il poco interesse nei confronti della comunità del territorio del Delta,  da parte di chi ci dovrebbe rappresentare nelle sedi regionali. Ma noi andremo avanti, noi gente del Delta siamo forti e
capaci. Vorremmo anche noi essere “paroni a casa nostra” e sapremo dimostrarlo".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl