you reporter

Bottrighe

Ragazzi accusati di teppismo, i genitori querelano

Diffida a Michele Cisotto da parte dei genitori dei ragazzini accusati di aver danneggiato la scuola di Bottrighe

Ragazzi accusati di teppismo, i genitori querelano

I genitori dei ragazzi minorenni di Bottrighe, presi di mira in questi giorni, si sono rivolti all'avvocato Stefania Tescaroli per essere tutelati e ristabilire la verità. "E' stata già mandata una diffida a Michele Cisotto - si legge nella nota del legale - che rettifichi le notizie false diffuse sulla stampa locale, cartacea ed on line, e sui social, ritiri le pesanti ed infondate accuse fatte e chieda scusa ai giovani e ai loro genitori".

Gli stessi genitori fanno presente "che i giovani si sono ritrovati la sera del 2 gennaio nella sede della Pro loco per stare un po' insieme, mangiando la pizza e bevendo delle bibite non alcoliche; infatti Alberto Bergo ha consegnato le chiavi per dare loro un luogo di ritrovo che manca a Bottrighe. I ragazzi hanno gettato dei cartoni delle pizze fuori dalla terrazza. Per questo comportamento non corretto hanno chiesto scusa e provveduto a pulire e sistemare tutto; nessuno dei ragazzi presenti ha danneggiato i copri water dei bagni, in quanto questi ultimi erano già rotti da 2 anni, come confermato da innumerevoli testimoni; nonostante ciò hanno provveduto ad acquistare i copri water nuovi pur non avendoli danneggiati. Nessuno dei ragazzi ha lanciato sassi dalla terrazza e tantomeno hanno danneggiato auto. Cavallaro Manuel, addirittura, non era presente la sera dei fatti".

Il sindaco del Comune di Adria, Omar Barbierato, dopo aver approfondito la vicenda, istruito la pratica ed incontrato i ragazzi,  ha dichiarato ai quotidiani locali "che nessun vandalismo è stato compiuto a Bottrighe da parte dei ragazzi, hanno chiesto scusa ed hanno dato la loro disponibilità ad adoperarsi per la comunità, come hanno sempre fatto in passato". "I ragazzi minorenni, che sono stati oggetto di pesanti, ingiuste ed ingiustificate accuse da parte di Cisotto e di altri compaesani - aggiunge - sono sempre stati corretti, in passato non hanno mai danneggiato alcunché e non possono essere di certo etichettati come i 'soliti teppisti di paese' che commettono atti di vandalismo in modo recidivo". "Conseguentemente l'immagine, la reputazione e la dignità dei ragazzi minori è stata fortemente lesa dalle dichiarazioni apparse sulla stampa locale, cartacea ed on line, e sui social, non corrispondenti in grande parte al vero e potrebbero integrare gli estremi dei reati di diffamazione a mezzo stampa e di calunnia - conclude Tescaroli - naturalmente tali pesanti offese sono state estese a tutti i genitori dei ragazzi coinvolti. Infatti come conseguenza i ragazzi vengono additati a Bottrighe in modo offensivo dagli abitanti della comunità".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl