you reporter

ADRIA

"Sindaco, ripensaci: in Comune devono entrare tutti"

L'appello del capogruppo del Pd Gino Sandro Spinello

Scontro in aula, Spinello attacca la maggioranza: "Atti fascistici"

Il consigliere comunale Gino Sandro Spinello

Una lettera con la quale Sandro Gino Spinello, capogruppo del Pd ad Adria, invita il sindaco di Adria Omar Barbierato a fare ritirare la disposizione che limita l'ingresso in Comune. Di seguito, il testo della lettera indirizzata al primo cittadino.

Caro Sindaco,
disponi il ritiro della circolare che è stata firmata dal Segretario Comunale. Quelle disposizioni limitano ed ostacolano la mie prerogative di consigliere al pari di tutti gli altri eletti in Consiglio. Il provvedimento del Segretario fissa norme poliziesche di controllo preventivo sull'attività del consigliere e in particolare limita l'accesso agli atti ponendo divieti che snaturano e umiliano il ruolo e la funzione del consigliere stesso.

Stai permettendo che vengano applicate in maniera strumentale ed impropria, disposizioni “speciali” anticovid che, comunque, non possono valere per chi riveste lo "Status di Amminstratore del Comune". Grave che Tu abbia permesso l'emanazione di queste disposizioni essendo sicuramente consapevole che da parte mia, come da parte degli altri consiglieri, non vi sia stato alcun intralcio all'attività degli uffici ed dei servizi comunali.

Sono certo che non riuscirai a dimostrare il contrario. Hai fatto un autogoal clamoroso, ti stai esponendo a giudizi pesantemente negativi che stanno mettendo in difficoltà l'intera amministrazione comunale. Questa iniziativa ,Tua e del Segretario Comunale ,si è dimostrata controprodicente, un boomerang per la tua stessa Maggioranza Civica; una scelta che non ha fatto altro che enfatizzare e divinizzare il ruolo della Cosigliera di Fratelli d'Italia, Giorgia Furlanetto.

Sarà stata sicuramente una linea tattica condivisa, ma pure il ruolo dello stesso Presidente del Consiglio, viene mortificato e degradato, come lo è quello dei tuoi stessi Consiglieri di maggioranza. Le disposizioni "anti-intrusione" in Municipio nei confronti dei Consiglieri Comunali rappresentano una rancorosa e puerile rappresaglia messa in atto dopo i fatti accaduti
nei giorni scorsi.

Un'atteggiamento, permettimi, che non Ti fa onore. Hai provato anche tu, seppur per poco, l'esperienza di essere consigliere di minoranza e sono certo che hai compreso la difficoltà e la fatica di farlo con coscienza e competenza. Sei diventato Sindaco anche grazie alla promesse di trasparenza e di partecipazione che hai fatto durante la campagna elettorale.
Non puoi non essere consapevole che forte è la disillusione verso di te anche in una parte
consistente di chi ti ha votato.

Spreravo anch'io che la Tua vittoria potesse rappresentare comunque una svolta positiva per Adria. Infine, ache per quei principi democratici ed antifascisti che credo possono accomunare il Tuo Movimento Civico "Impegno per il Bene Comune" con la mia storia personale e con la mia appartenenza politica, Ti chiedo di far ritirare quell'atto illiberale che, come ho già scritto, contiene ampi profili di illeceità e di illegittimità.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl