you reporter

ADRIA

Recupero immobili, oneri ridotti del 40%, il consiglio approva all'unanimità

Più attenzione al recupero degli edifici e maggiori possibilità per i privati a procedere con interventi nei propri immobili

Tanti progetti: sarà la città dei turisti e della vivibilità

L'assessore Marco Terrentin

Più attenzione al recupero degli edifici e maggiori possibilità per i privati a procedere con interventi nei propri immobili. E’ questo il nocciolo delle nuovo strategie urbanistiche per migliorare il territorio comunale presentate dall’assessore Marco Terrentin e approvate all’unanimità dal consiglio comunale.

“Nel corso dell’ultimo consiglio comunale – esordisce l’assessore – sono state approvate con il voto di tutte le forze politiche, alcune linee strategiche urbanistiche che consentiranno alla nostra comunità di migliorare lo stato degli immobili della nostra città. Andremo a ridurre il contributo straordinario per le varianti urbanistiche ai fini del piano interventi, abbassando di un 30-40% i costi per gli investitori. Diverse le richieste pervenute al Comune nei mesi scorsi, istanze di variante urbanistica, delle manifestazioni d'interesse e delle proposte di accordi pubblico/privati, relative ad ampliamenti di edifici di attività produttive in zona impropria, cambio di destinazione d'uso da agricolo a residenziale e cambio di destinazione d’uso non previsti dalla vigente normativa dello strumento urbanistico”.

E ancora: “Con l’approvazione della delibera 27 del 1^ luglio scorso, sono stati approvati i nuovi valori di revisione del grado di protezione alcuni edifici del centro storico. Il principio che sta alla base di questi interventi consentiti dal Piano regolatore del centro storico, è quello di prolungare la conservazione complessiva degli edifici stessi e far si che le destinazioni d’uso e le operazioni edili siano rivolte a conservare l’organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme di opere, formali e strutturali, che ne consentano modi d’uso compatibili”.

Terrentin ricorda anche che “con il regolamento comunale per la realizzazione di manufatti leggeri, ossia tende, dehor, casette in legno, atto ad alleggerire le modalità di presentazione delle pratiche urbanistiche, vengono articolate in modo più chiaro le tipologie ed i limiti degli interventi descritti, nonché le procedure amministrative che devono essere seguite. Un aggiornamento che mancava da diversi anni”.

In conclusione evidenzia che “tutte le iniziative approvate dal consiglio comunale dimostrano l’interesse di questa amministrazione per il recupero del patrimonio edilizio esistente, nel rispetto della normativa sull’utilizzo del suolo, nonché la capacità di normare dopo tanto tempo, quei piccoli interventi che ogni cittadino può realizzare sull’immobile di proprietà”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl