you reporter

ADRIA

“Ecco un progetto per le famiglie, risorse fondamentali nello sviluppo della comunità”

Anche la città etrusca aderisce al progetto a sostegno della genitorialità, incrementando attività mirate per i bambini

I tanti tavoli della rivoluzione di Adria

Omar Barbierato

29/10/2020 - 15:01

Nell’ambito degli obiettivi da raggiungere per le politiche sociali, inseriti nei punti programmatici dell’amministrazione comunale, la giunta civica ha deciso di aderire ad un progetto a sostegno sia della genitorialità e sia incrementando attività mirate per i bambini. Un’iniziativa  importante  rivolta alle famiglie che rappresentano le prime istituzioni sociali e culturali della società, come previsto dalla Legge 328/2000, che le definisce quali soggetti sociali portatori di bisogni e risorse fondamentali nello sviluppo della comunità territoriale. 

“In questo contesto si inserisce Famiglie StraVaganti, il progetto itinerante che coinvolge i comuni di Rovigo, Occhiobello, San Martino di Venezze, Badia Polesine, Loreo, Rosolina e ovviamente Adria - rende noto il primo cittadino Omar Barbierato - Una progettualità dall’alto contenuto relazionale, dedicata alle povertà educative che molto spesso coincide  con le povertà di tipo sociale,  rivolta alle famiglie”.

Attuatori del servizio, la rete territoriale di cooperative ( Porto Alegre, Di tutti i colori, Zico) associazioni ( #Unitiinrete, Comitato Territoriale UISP Rovigo, Smile Africa Onlus, AGE Ariano nel Polesine), l’Istituto Comprensivo di Badia Polesine e IRESS Cooperativa Sociale. 

“Una delle particolarità del progetto è quella di intercettare le famiglie con bambini fino ai 10 anni che hanno difficoltà a conciliare le esigenze di vita, lavoro ed educazione, con lo scopo di andare incontro alle esigenze quotidiane dei genitori, che potranno tranquillamente beneficiare di proposte di consulenza professionale, oltre a percorsi di formazione per lo sviluppo di competenza da spendere in ambito lavorativo. Nel mentre i bambini svolgeranno attività educative mirate”, informa l’assessore ai Servizi Sociali Sandra Moda. "Tra le proposte  l’attivazione di laboratori di educazione digitale rivolti ai bambini, genitori e nonni, per informarli  sui rischi che un’inadeguata conoscenza delle tecnologie può generare”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl