you reporter

ADRIA

Agricoltura più sostenibile, le proposte per un futuro in mano ai giovani che crei lavoro

L'amministrazione adriese ha proposto una serie di iniziative all'Ente Parco perché si faccia portavoce con il Governo

Agricoltura più sostenibile, le proposte per un futuro  in mano ai giovani che crei lavoro

30/11/2020 - 09:04

Agricoltura, l’amministrazione civica adriese, lancia proposte fattibili per generare opportunità di lavoro per i giovani. L’amministrazione civica adriese, nell’ambito delle iniziative inserite nella Pac (politica  agricola comune), ha elaborato una serie di proposte per un’agricoltura più sostenibile, che ha già inoltrato all’ente parco del Delta del Po,  perchè si faccia portavoce con il governo Italiano, che a sua volta porterà in Europa per ottenere finanziamenti capaci di generare opportunità di lavoro per i giovani.

“Il 'minimum tillage' rappresenta un passo verso un'agricoltura più sostenibile, poiché riduce i costi e i consumi energetici, pur garantendone la normale redditività - entra nei dettagli il sindaco Omar Barbierato - Un settore di rilevante interesse l’agricoltura, non solo sotto il profilo economico e occupazionale, ma ancor prima contribuisce in maniera determinante alla tutela dell’ambiente e del paesaggio, alla conservazione del suolo, nonché alla protezione della biodiversità". 

"Parliamo di una tecnica agricola che - spiega il consigliere Cristian Andriotto - prevede la lavorazione del terreno a profondità molto limitata, tale da permettere di ottenere con uno/due passaggi un letto di semina soddisfacente. Con il Minimum Tillage si ha un minore impatto sul terreno migliorando così la sua naturale fertilità. Un intervento per  lo sviluppo dell’agricoltura che, a nostro avviso, rimane il settore fondamentale e trainante per il  nostro territorio. Un’iniziativa che andrebbe incontro al ritorno in campagna delle nuove generazioni, un fenomeno, non ascrivibile alla sola mancanza di alternative occupazionali, ma piuttosto all’effettivo interesse legato alla terra, all’ambiente e alla maggiore sensibilità dei giovani per il tema della sostenibilità ambientale e a una maggiore consapevolezza del legame tra cibo e territorio". 

"Tra le proposte che abbiamo formulato all’ente Parco - concludono i due amministratori - quella di favorire la naturale sinergia esistente tra l’allevamento e l’agricoltura, per uno sfruttamento più razionale delle risorse e investire su un allevamento che mira al benessere dell’animale e a contenere gli effetti negativi dell’allevamento intensivo".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl