you reporter

IL CASO

La rabbia dei commercianti: "Non era davvero il momento di questo senso unico"

Il parere: "Rendono più difficile venire da noi. E nessuno ci ha mai consultato"

La rabbia dei commercianti: "Non era davvero il momento di questo senso unico"

"Proprio con la pandemia in corso e le difficoltà economiche, rendono l’accesso alle nostre attività ancora più complesso. Tra l’altro prima di procedere con questa decisione potevano anche coinvolgerci in qualche maniera". Oltre un centinaio le firme raccolte dai commercianti della zona di riviera Matteotti ad Adria per chiedere l’immediata sospensione del provvedimento che introduce il senso unico, per ritornare alla situazione di prima.

La nuova viabilità, infatti, secondo i commercianti è estremamente penalizzante per loro. Ma, soprattutto, gli operatori commerciali chiedono di essere ascoltati. L’iniziativa è stata promossa da Roberta Strozzi che, mercoledì 10 febbraio, ha consegnato le firme ai consiglieri comunali di minoranza affinché portino questa istanza a Palazzo Tassoni.

I consiglieri comunali chiederanno che la giunta comunale incontri la delegazione dei commercianti quanto prima, per arrivare a una soluzione condivisa che non penalizzi nessuno, soprattutto in questo periodo con tante attività in ginocchio a causa della pandemia.

Abbiamo voluto dare voce ad uno dei rappresentanti della vicenda, la farmacia di Riviera Matteotti che, con le parole di Guido, ci ha detto: "Durante il periodo covid c’è sembrato poco indicato che per una farmacia, come per gli studi medici qui dietro, abbiano reso l’arrivo dei fruitori più difficoltoso invece che facilitarlo. Inoltre, ci sembrava il caso di essere avvisati, prima di eventuali modifiche in questo senso".

"Capiamo - prosegue Guido - che la strada possa essere difficile per il doppio transito, ma ci sembra che ci siano anche delle alternative da poter proporre. Non siamo noi commercianti a chiederlo - conclude il farmacista - sono i nostri cittadini ad essere contrari a questa innovazione e noi ci sentiamo di portare avanti la loro voce".

Guido, come tanti altri esercenti, spera ovviamente che questa voce venga ascoltata dall’alto e che l’amministrazione sia disposta ad un incontro con i commercianti al più presto.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl