you reporter

ADRIA

Csa, familiari a fianco dei lavoratori

I parenti degli ospiti: “Qualcuno tenta di dividerci abusando del proprio ruolo: andiamo avanti”

"Basta polemiche: nomine regolari, consiglio nei pieni poteri"

14/03/2021 - 18:58

Superata la fase più acuta della pandemia, anche se l’attenzione resta sempre altissima, in Casa di riposo si respira un’aria di distensione con la riapertura della trattativa tra dirigenza e lavoratori per chiudere definitivamente una vertenza che si trascina da quattro anni.

Un commento positivo, ma soprattutto carico di aspettative arriva dai familiari. “Con piacere – si legge in una nota - abbiamo appreso sulla stampa locale che sono ripresi gli incontri cda-Rsu: ce ne rallegriamo e auspichiamo che, in tempi brevi, possa essere trovato un giusto accordo sulle vertenza sindacale in atto da troppo tempo. Dopo quattro anni di lotta, con momenti di scontro aperto su più fronti, ci pare sia tempo di chiudere la partita riconoscendo a voi lavoratori/dipendenti i vostri legittimi diritti con relativi compensi stipendiali”.

E ancora: “Come familiari, da sempre al vostro fianco, non vediamo l’ora che le bandiere poste davanti all’ingresso della nostra Casa di riposo lascino il posto a un sit-in di festa tra lavoratori e familiari per la fine di una lotta che non trova termini di confronto con situazioni analoghe. Questo sit-in potrebbe essere anche l’avvio di una serie di eventi finalizzati a rilanciare l’immagine della nostra Casa di riposo da troppo tempo sulle pagine dei giornali per fatti e accadimenti di segno negativo”.

A questo punto i familiari si tolgono qualche sassolino. “A chi continua a metterci contro di voi abusando del potere derivatogli dal ruolo istituzionale ricoperto – prosegue la nota - ricordiamo che la nostra testimonianza di sostegno e solidarietà alle vostre legittime rivendicazioni è e resta quella espressa in modo chiaro e inequivocabile in un vostro volantino, il terzo della serie da noi divulgato nel 2017: ‘Sempre a fianco dei lavoratori della nostra Casa di riposo a difesa dei diritti per un lavoro di persone per le persone’. Le due componenti lavoratori/dipendenti e ospiti/familiari degli ospiti sono i due pilastri su cui si regge la Casa di riposo e il loro esistere è così fortemente compenetrato l’uno nell’altro da non poter essere visto in modo in modo distinto e separato. Allora – concludono - avanti insieme, fino alla positiva conclusione della vertenza, auspicando che possa chiudere entro Pasqua”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl