you reporter

Bottrighe

Lacrime e commozione per Claudio Bellini

Il funerale del 65enne morto a causa del Covid: "Ha onorato il nostro paese"

Tantissima gente, nonostante l’acquazzone abbattutosi su Bottrighe oggi pomeriggio, 29 aprile, intorno alle 16, ha voluto dare l’ultimo saluto a Claudio Bellini, l’uomo di 65 anni ucciso dal Covid domenica scorsa. Tantissima gente, con il sindaco Omar Barbierato, ha voluto stringersi, sia pure idealmente, attorno alla moglie Mirella, ai figli Annachiara, Pierfrancesco e Niccolò, al fratello Roberto. Tantissima gente per ricordare un amico, una persona cara che tanto si è speso per la comunità: in politica, nel sindacato, nel lavoro, negli scout, nella scuola materna, nella consulta frazionale, nell’associazionismo portando sempre passione, impegno e serietà.

“Una persona che ha fatto onore al nostro paese” ha detto don Massimo Barison nell’omelia. “Un caro amico – ha rimarcato Luigi Bellan a nome del comitato di gestione della scuola materna – che si è reso sempre disponibile per il nostro asilo con amicizia e serietà”. Da parte sua suor Anna, dell’ordine di Maria Bambina, sorella di Mirella ha letto una toccante lettera di Niccolò. “Ti salutiamo oggi per l'ultima volta, ma tu non ci abbandoni: di te ci restano i tuoi insegnamenti, ricordi e valori che porteremo sempre con noi. Insegnamenti fatti di tante cose buone e di tanto impegno al servizio degli altri partendo dagli scout di cui eri stato un forte membro del gruppo della Tomba, la tua parrocchia d'origine, fino all’impegno portato ai terremotati del Friuli nel 1976. E ancora i bambini di Chernobyl, alcuni ospitati a casa nostra”. E ancora: “Noi tre figli siamo la testimonianza del progetto di vita che hai intrapreso con la mamma, trasmettendoci quei valori. Da poco si è aggiunta Valeria, adorata nipotina, con la qualche trascorrevi molti pomeriggi. La pandemia ti ha portato via proprio adesso che la mamma ha concluso la sua carriera lavorativa ed avevamo più tempo da trascorrere insieme e sicuramente avevi tante altre cose da insegnarci. Ciao papà”.

L’orazione funebre è stata svolta da Sandro Gino Spinello con momenti di profonda commozione. “In questi giorni – ha affermato - ci si rende ancor più conto di quale rispetto e di quale considerazione  godevi tra la gente. Per tutti eri una persona seria, pacata, coerente e altruista. Hai vissuto intensamente tutti i tempi della tua vita. La gente intuiva che dietro quel tuo apparire burbero, al primo impatto, eri, invece, una persona disponibile, uno che se poteva ti dava una mano”. L’ultimo saluto sulle note del “Signore delle cime” cantato dalle ragazze del Plinius, poi la salma è stata accompagnata al cimitero del paese per la tumulazione. Su desiderio della famiglia, chi desidera onorare la memoria di Claudio è invitato a devolvere libere offerte alla scuola materna di Bottrighe.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl