you reporter

Il caso

"300 euro dello striscione per Zaki, neanche una parola per Zennaro"

La critica feroce alla giunta Barbierato della consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Giorgia Furlanetto

"300 euro dello striscione per Zaki, neanche una parola per Zennaro"

Quasi 300 euro spesi dall’amministrazione comunale adriese per acquistare uno striscione per lo studente egiziano Patrick Zaki, neppure una parola spesa per l’imprenditore veneto Marco Zennaro, imprigionato in Sudan”. E’ la dura presa di posizione della consigliera comunale Giorgia Furlanetto. “Ecco i diversi pesi e misure – evidenza l’esponente di Fratelli d’Italia - dell’amministrazione civica di Barbierato, ecco le loro priorità. Perché una mobilitazione così importante sul caso dello studente egiziano e il silenzio più assordante nei confronti di un nostro connazionale? Ecco le contraddizioni di una sinistra, sia pure mascherata da civica, che si straccia le vesti invocando il rispetto dei diritti umani solo per taluni. Niente panchine, striscioni, mobilitazioni di piazza per riportare in Italia Marco Zennaro. Nulla di tutto questo. Silenzio su Marco, italiano, in condizioni disumane in Sudan. Per Zaki si mobilitano per conferirgli la cittadinanza italiana. Questo – conclude Giorgia Furlanetto – è lo specchio malato di un Paese che abbandona i propri connazionali fuori dall’Italia, perché troppo impegnata a difendere unicamente i diritti di chi italiano non è”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl