you reporter

ADRIA

Allarme degrado: cumuli di rifiuti e vandalismo

A Baricetta, davanti al cimitero, sono stati rovesciati alcuni cassonetti ed è stato dato fuoco all’immondizia

Allarme degrado: cumuli di rifiuti e vandalismo

08/01/2022 - 16:52

Sicuramente la città etrusca non vive l’emergenza rifiuti di altre città, a cominciare dalla capitale, tuttavia si cerca di guardare agli esempi più virtuosi, non a confrontarsi con chi sta peggio. In ogni caso qualcosa non funziona, soprattutto non funziona quel regolamento sul decoro urbano tanto voluto dall’assessore all’ambiente Andrea Micheletti, la cui gestazione è stata lunga e a tratti tormentata, ma doveva segnare un svolta anche nella gestione dei rifiuti per migliorare il decoro, quindi l’immagine della città.

E’ a dir poco sconcertante vedere cumuli di rifiuti lungo le strade o dove c’è uno spiazzo, con totale indifferenza per la raccolta differenziata.

Molte le segnalazioni che quasi quotidianamente arrivano dai cittadini. Quella più sorprendente arriva da Baricetta, più esattamente dal piazzale antistante il cimitero, a due passi dall’ingresso: un cumulo di rifiuti, un po’ bruciati. L’ipotesi più accreditata è che qualcuno, anzi più di qualcuno, abbia rovesciato i bidoni e abbia dato fuoco. Un gesto inqualificabile che non può essere catalogato come semplice “bravata” anche per mancanza di rispetto di luogo. Comunque nel giro di 24 ore i rifiuti sono stati rimossi e l’asfalto lavato: quindi con un costo a carico della comunità che ricadrà sulla bolletta della Tari.

A dir poco sconcertante quanto succede quasi quotidianamente in via Ragazzi del ’99 proprio di fronte all’ingresso del plesso scolastico dove vanno a scuola i bambini della primaria Anna Frank, i ragazzi della media Manzoni, oltre a ospitare la direzione dell’istituto comprensivo AdriaUno. Ebbene nello spiazzo sono si trovano due cassonetti dell’Humana, per la raccolta di vestiario usato, viene abbandonato di tutto: sacchetti pieni di immondizia con tutto dentro, vestiario, borse, un apparecchio elettronico che potrebbe essere un televisore o un video per il pc. E ancora cartoni, cassette in plastica a loro volta piene di altri scarti.

A poche centinaia di metri sul lato ovest del piazzale del centro commerciale le Rondini periodicamente spunta una vera e propria discarica a cielo aperto: nel giorno di Capodanno lo spettacolo è stato a dir poco impietoso. Accompagnato anche da atti di vandalismo perché qualcuno ha lanciato qualche sacco oltre la siepe, ovvero nel parco dell’asilo. Quei sacchi sono stati rimossi, ma ciclicamente quell’area torna a essere una discarica.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl