you reporter

Villadose e Ceregnano

Puzza, il comitato torna alla carica

Da giorni gli odori sono insopportabili. Chiesto l’intervento urgente delle istituzioni

Puzza, il comitato torna alla carica

A Villadose, riconosciuto come uno dei comuni più inquinati del Veneto, soffiano forti i venti di protesta dei cittadini non solo locali ma anche del comune limitrofo di Ceregnano.

Negli ultimi giorni infatti sono state numerose le segnalazioni per il cattivo odore e le conseguenze che provoca come irritabilità della gola e degli occhi. Il Comitato Terre Nostre Villadose, dopo le iniziative di raccolta firme affinché fossero installate centraline fisse dell'Arpav nei pressi dei due punti di maggior interesse, torna alla carica con una richiesta urgente ai comuni. Vogliono più controlli. Avevano chiesto le centraline in zona industriale presunta origine del problema e vicino al Polo Scolastico poco distante dalle discariche che già hanno costituito un infinita serie di problemi ambientali. Una sola è stata posizionata in zona industriale ed è già stata rimossa e da quel momento le esalazioni sono riprese come e più di prima.

Ora il Comitato scrive: “Chiediamo ai sindaci di Villadose e Ceregnano di convocare, urgentemente, pubbliche assemblee nei rispettivi comuni, alla presenza di tutte le autorità preposte ai controlli ambientali e sulla salute per informare i cittadini sugli sviluppi della vicenda legata alle emissioni e agli scarichi provenienti dalla zona industriale e, in particolare, dalla Fresenius Kabi Anti-Infectives Srl con particolare riguardo ai dati emersi dalle ultime analisi di Acque Venete sui pozzetti fognari della zona”. Nella formale richiesta inoltrata ai sindaci è stata posta l'attenzione: “Il Principio di Prevenzione che deve essere adottato dagli amministratori, unito al Principio di Responsabilità, verso le future generazioni e la natura custode delle condizioni stesse dell'esistenza di tutti”.

“La responsabilità- conclude il comitato- significa accettare il dovere di informare i propri cittadini e impedire l'occultamento di informazioni su possibili rischi evitando di considerarli come una massa inconsapevole e acritica sulla quale si può testare tutto quello che non si può testare in altri territori meno tolleranti”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl