you reporter

Stienta

Allagamenti, lo scontro diventa politico

La replica del sindaco Ferrarese: “Noi abbiamo programmato gli interventi”

Allagamenti, lo scontro diventa politico

E’ polemica a Stienta per gli allagamenti che l’altro giorno hanno interessato alcune aree del paese a seguito di un forte temporale. Polemica lanciata dalla minoranza, con Beatrice Guidetti che ha tuonato: “Da tempo la minoranza chiede che si dia il via ai lavori. Già nel 2016 è stata presentata un’interrogazione da parte del gruppo consiliare. L’interrogazione è stata ripresentata anche nel 2017. Il problema delle fognature era fra le priorità del programma elettorale della maggioranza, quindi si sapeva benissimo che andava affrontato con urgenza. Perché non si è fatto?”. Conclude Guidetti: “L’amministrazione non può continuare a scaricare le colpe sulle precedenti amministrazioni, ma deve rispondere ai propri cittadini. Ci auguriamo che in questi giorni partano gli interventi per risolvere questa emergenza. Nel frattempo sarebbe bene che il sindaco operasse per garantire la salubrità urbana della zone interessate con trattamenti di sanificazione da liquame uscito dalle fogne”.

Pronta la replica del sindaco Enrico Ferrarese: “In relazione al temporale di sabato e alle conseguenti problematiche in alcune zone del paese è bene sottolineare che delle zone solitamente considerate critiche, anche per effetto di correttivi già posti in essere in questi mesi, solo alcune hanno continuato a manifestare problemi. Purtroppo, invece, le vie Picasso, Guttuso e Fellini sono state interessate dal solito accumulo d’acqua. Tuttavia solo in via Picasso l’acqua è arrivata a creare problemi in un paio di abitazioni. Simile la situazione di due case in via Marconi, costruite ancor più all’interno di una conca naturale, per le quali si spera sia vicino l’avvio di un’azione predisposta dal 2016”.

E ancora: “La minoranza consigliare è a conoscenza del fatto che l’amministrazione si è da subito buttata sulla predisposizione di un progetto per ovviare proprio a queste criticità. E sa che il tutto è già finanziato per effetto di operazioni e dell’impegno della mia amministrazione. Che poi vogliano difendere un passato di mancate programmazioni, concessioni e operazioni varie di cui si sentono in parte complici o responsabili a me interessa poco. Mi interessa di più invece poter rispondere ai cittadini, ai quali confermo che gli interventi che riguardano lo scolo delle acque di quelle zone sono già iniziati. Vero è che il cuore dell’intervento, il fosso-bacino da farsi su area divenuta pubblica non ha ancora visto la luce ma per questo sono il primo io ad essere arrabbiato. Da sindaco non ho mai avuto problemi a scusarmi con i cittadini, anche per le responsabilità altrui”. Ricorda poi che “dalle prime ore assieme al gruppo di volontari di Protezione civile di Occhiobello e Stienta ero sul posto, ho provveduto a sollecitare tutti i soggetti coinvolti per la realizzazione della parte fondamentale del progetto. Esasperazioni e provocazioni a parte, non molleremo ed anzi continueremo ad incalzare tecnici e operatori fino a alla realizzazione delle operazioni”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl