you reporter

BERGANTINO

Non si ferma la lotta alla processionaria: avviso a tutti i proprietari di aree verdi

Il lepidottero attacca le conifere e può costituire un rischio per la salute delle persone e degli animali

Non si ferma la lotta alla processionaria: avviso a tutti i proprietari di aree verdi

Non si ferma la lotta dichiarata dal comune di Bergantino guidato dal sindaco Lara Chiccoli alla processionaria del pino. Con una comunicazione pubblicata nei giorni scorsi, l’amministrazione rivierasca ha voluto ribadire alla cittadinanza che esiste un’ordinanza del sindaco con la quale è stata disposta la lotta obbligatoria contro la processionaria del pino (Traumatocampa pityocampa), un lepidottero defogliatore che attacca le conifere e che può costituire un rischio per la salute delle persone e degli animali. Le larve dell’insetto, il cui nome deriva dal fatto che esse si spostano ordinatamente in lunghe file alla ricerca di cibo e per incrisalidarsi al suolo, sono infatti dotate di peli urticanti che possono provocare reazioni più o meno gravi sul soggetto che vi entri in contatto.

“Si invitano i cittadini a prendere visione dell'avviso e dell'ordinanza con i relativi allegati nella sezione Ambiente e al rispetto delle prescrizioni dettate”, si legge nella comunicazione. “Tutti i proprietari di aree verdi o chiunque abbia in gestione aree verdi private che dovranno provvedere ad effettuare ogni anno entro la fine di marzo tutte le opportune verifiche ed ispezioni sugli alberi a dimora nelle loro proprietà, al fine di accertare la presenza dei nidi della processionaria del pino, in quanto il lepidottero può costituire un rischio per la salute delle persone e degli animali. Dette verifiche dovranno essere effettuate con maggiore attenzione sulle specie di alberi soggette all'attacco del lepidottero, a titolo esemplificativo: pino silvestre, pino nero, pino strobo, senza trascurare altre aghifoglie, e nelle vicinanze dei centri abitati, aree residenziali, vie/piazze densamente frequentate, giardini o parchi, scuole o aree frequentate dalla popolazione - continua la comunicazione - Nel caso si riscontrasse la presenza dei nidi della processionaria, si dovrà immediatamente intervenire con la rimozione e la distruzione degli stessi, anche mediante apposite ditte specializzate. Se nel corso dell'anno venisse appurata la presenza di forme larvali (bruchi) del lepidottero, sarà necessario attuare gli interventi di lotta microbiologica e/o chimica. Le spese per gli interventi suddetti sono a totale carico dei proprietari interessati ed è fatto assoluto divieto di depositare rami con nidi di processionaria sulla pubblica via e di conferire agli stessi allo smaltimento tramite i servizi di nettezza urbana. I proprietari dovranno permettere l'accesso alle proprietà al personale ed ai tecnici incaricati del Comune per la vigilanza sui trattamenti. In caso di mancato rispetto delle prescrizioni dettate dalla presente ordinanza, i trasgressori, salvo che il fatto non costituisca più grave illecito, si applicherà una sanzione amministrativa pecuniaria da 25 sino a 500 euro. Potrà inoltre essere disposta quale sanzione accessoria, l'esecuzione d'ufficio degli interventi omessi con addebito delle relative spese al trasgressore. Maggiori informazioni sull'insetto infestante e sugli interventi da effettuare potranno essere reperite negli allegati all’ordinanza sindacale sul sito del Comune di Bergantino nella sezione Ambiente, nonché chiamando gli uffici”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl