you reporter

Spezzoni di guerra, bombe ed eroi<br/>inaugurata l'attesa mostra

mostra[2].JPG
La festa della Liberazione è stata anche l’occasione per l’allestimento della mostra sulla seconda guerra mondiale. Un’iniziativa dell’Istituto ricerche storiche e sociali “Bonaventura Gidoni” di Badia Polesine, di cui è presidente Livio Zerbinati. La mostra è stata inaugurata sabato e rimarrà aperta per una settimana, fino al 3 maggio. L’esposizione documentaria copre gli anni che vanno dal settembre del 1939 fino all’aprile del 1945.
I pannelli che compongono la mostra sono una raccolta di foto e spezzoni di storia che vedono la collaborazione di Pietro Antoniazzi, Lisa Bregantin, Silvio e Milena Dall’Aglio, Ken Fenton, Elisa Marigo e della biblioteca Bronziero assieme al comune di Badia Polesine. L’allestimento è stato realizzato invece da Fabio De Santis, Giampaolo Ogheri e Livio Zerbinati. Nella sua sintetica esposizione, la mostra è un’occasione per riscoprire le tappe fondamentali della seconda Guerra mondiale, dove trova spazio (importante, ma non unico) la nascita della Resistenza in Italia e il suo svolgimento nel Polesine. L’ultima sezione è dedicata ai militari di quei paesi che hanno contribuito alla Liberazione.
In sala Soffiantini, la mostra è aperta dalle 16.30 alle 19.30 dal 27 al 30 aprile, mentre nel weekend l’apertura è anche al mattino, dalle 10.30 alle 12.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl