you reporter

Emergenza abitativa infinita<br/>altri due sfratti

38453

Il municipio di Badia Polesine

BADIA POLESINE - L’emergenza abitativa continua: due sfratti sono stati messi in atto in una sola settimana. Il comune di Badia Polesine ha a che fare ormai da tempo con un problema relativo all’assegnazione di case per gli indigenti. Ma il settore servizi sociali comunali ha le mani legate per quanto riguarda la possibilità di concedere alloggi alle famiglie che si trovano in situazione di sfratto imminente. Per questo carabinieri e ufficiale giudiziario hanno fatto visita a due abitazioni la scorsa settimana, una in via Pesa Vecchia e l’altra in via Calà Forca.
Nel primo caso si trattava di una persona singola, nel secondo di una intera famiglia con un bambino e un anziano a carico. Situazioni delicate per le quali l’ufficiale giudiziario ha concesso una proroga di un mese. Una misura che si prospetta però non risolutiva: “E’ molto improbabile che da qui a trenta giorni le cose cambieranno", commenta l’assessore al sociale Claudio Brusemini.
La disponibilità di alloggi a Badia Polesine è scarsissima. E in ogni caso le abitazioni sono regolate dalle graduatorie dell’Ater: “Non possiamo intervenire concedendo una casa a chi si trova in emergenza abitativa, ma siamo obbligati ad attenerci alla graduatoria – spiega Brusemini – questo significa che anche se ci fossero un alloggio disponibile ed una famiglia con imminenza di sfratto, non potremmo comunque concedere quell’alloggio che spetta invece al primo in graduatoria Ater”.


LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl