you reporter

L'ex ospedale rinasce <br/> l'Ulss vara il progetto definitivo

ospedale[1].JPG
LENDINARA - Due centri per disabili e un centro antiviolenza. E’ questa la via indicata per il recupero dell’ex ospedale lendinarese. L’azienda ha deciso di attivare autonomamente la ristrutturazione di parte dell’immobile. L’intervento in questione, che presenta una spesa di un milione e mezzo di euro, permetterà di realizzare un primo centro al piano terra, che potrebbe ospitare fino a 23 persone, e un secondo centro al primo e al secondo piano con la possibilità di accogliere fino a 30 persone.
Per realizzare questo intervento l’Ulss ha deciso di assegnare in permuta all’appaltatore delle opere Villa Boggian, che da una perizia di stima presenta un valore di 360mila euro. Per fare questo, però, l’Ulss si è rivolta alla Regione richiedendo lo svincolo dell’immobile, che è frutto di un lascito, dai fini sanitari istituzionali. E sempre alla Regione, l’Ulss ha richiesto l’autorizzazione per concedere in usufrutto il terzo ed il quarto piano al comune di Lendinara per realizzarvi una comunità educativa mamma-bambino e un centro antiviolenza con casa rifugio. Progetto, questo, per il quale il Wune dovrà trovare all’incirca 250mila euro per avere la quadratura del cerchio. In funzione dei nuovi accordi, l’amministrazione ha quindi proposto un aggiornamento del protocollo d’intesa, sottoscritto tra Comune e Ulss nel 2011.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl