Cerca

Lendinara piange il suo Ottavino <br/> conosciuto e amato in tutto il paese

44729
Lendinara piange Ottavino, personaggio conosciuto e amato del paese. Si è spento nella casa di riposo di Carmignano.
LENDINARA - Se n’è andato in punta di piedi. In silenzio. Come quando arrivava. Ottavino non c’è più. E’ stata una persona che nella memoria collettiva ha segnato, è giusto riconoscerlo, tanti momenti di un territorio e di un popolo che sono cambiati con il passare degli anni. E in cui si riconosceva come personaggio amato da tutti e noto a tutti. Al solo dire “Ottavino”, tutti sapevano chi fosse. Specie chi abitava a Lendinara o nelle sue frazioni.

Era un uomo che sembrava senza età, che forse non si sapeva con esattezza da dove venisse. Se non che proveniva da di là dell’Adige. Era sempre presente: in piazza, alla fiera del paese, tra la gente. Lui e il suo cappello, lui e i suoi zoccoli bianchi, i “zopèi”. Era intramontabile. Salutava tutti e da tutti era sempre ben accolto.

Quando arrivava, specie nei quartieri abitati e in mezzo alla gente, veniva spesso accolto con un dono da chi gli voleva bene: chi gli dava una banana, chi una mela, chi qualcos’altro da mangiare. Lui prendeva e ringraziava. Si dice che avesse superato ormai da un po’ i 60 anni di età, da qualche tempo però non si vedeva più in giro. E in tanti si chiedevano perchè Ottavino fosse “sparito” dalla circolazione, abituati come si era a vederlo o a sentirlo sorridere nel suo modo, tutto particolare.

Da qualche tempo era ospite nella casa di riposo di Carmignano e lì si è spento ieri. E’ un pezzo della storia locale che se ne va. Riposa in pace Ottavino. Lendinara non ti dimenticherà mai.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy