Cerca

Settore sociale, il comune cerca <br/> di far fronte ad una situazione difficile

38453

Il municipio di Badia Polesine

Finiti i soldi a disposizione. L’assessore Brusemini annuncia la graduatoria Ater. L’unica nota positiva l’inserimento di nove cittadini grazie al fondo straordinario di solidarietà.
BADIA POLESINE - Settore sociale, tra inserimento lavorativo e alloggi popolari il comune cerca di far fronte ad una situazione sempre più difficile. Esauriti i fondi di “beneficenza” offerti da diverse aziende badiesi per dare una mano alla comunità, si va avanti con quello che si può.
Nel frattempo è arrivata la conferma della graduatoria per gli alloggi Ater. Al bando di partecipazione hanno risposto 52 famiglie, tutte residenti a Badia. “Le domande per l’assegnazione sono in continuo aumento" spiega Claudio Brusemini, assessore ai servizi sociali.
Una nota positiva nel settore servizi però c’è: a novembre il comune aveva aderito ad una iniziativa fondata sull’utilizzo di una quota del Fondo straordinario di solidarietà “Interventi per l’inserimento lavorativo di giovani e disoccupati”, sostenuta dalla Fondazione Cariparo. Il progetto è pronto a partire a Badia: nei giorni scorsi si è tenuta la formazione specifica dei nove badiesi selezionati. Le iniziative riguardano la manutenzione e la cura delle aree verdi e degli arredi urbani, oltre che la pulizia delle sedi comunali con le loro sale monumentali, gli ingressi e i corridoi. I nove cittadini saranno pagati tramite voucher.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy