Cerca

Lavoratori sul piede di guerra <br/> scatta il sit in di protesta

Casa del sorriso

casa%20sorriso[1].JPG
Dalle 6 alle 22 di ieri lo sciopero dei dipendenti davanti alla casa di riposo.
BADIA POLESINE - Lavoratori sul piede di guerra contro la depubblicizzazione della Casa del sorriso. Ieri si è tenuto lo sciopero che era stato annunciato dai sindacati e dai dipendenti già da diverse settimane. Fin dal primissimo mattino un sit in di protesta si è formato di fronte alla struttura, proprio all’ingresso della casa di riposo in via San Nicolò a Badia Polesine.
Bandiere e uno striscione sono stati apposti accanto alla recinzione, con un capannello di lavoratori a braccia incrociate e alcuni dei rappresentanti sindacali: Giuseppe Franchi di Cgil, Francesco Malin di Cisl e Roberto Tarozzo di Uil.
Come previsto, il personale ha scioperato per un’ora all’inizio di ogni turno: in tutta la giornata sono stati quindi tre i momenti in cui alcuni lavoratori hanno sospeso l’attività. La partecipazione è stata, secondo i lavoratori presenti al sit in, “al massimo del possibile”: l’amministrazione dell’ente aveva infatti richiesto di rispettare certi limiti nel numero di persone che potevano sospendere il lavoro, in modo da garantire la regolarità del servizio per gli ospiti della struttura.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy