you reporter

"Tasse alte ma servizi invariati"<br/> il sindaco Viaro parla delle imposte

Lendinara

43717

Il sindaco Luigi Viaro

LENDINARA – “Prelievi alti, ma abbiamo mantenuto invariati diversi servizi ai cittadini”. E’ questo lo scenario che tratteggia il sindaco di Lendinara Luigi Viaro, in merito al dolente tasto delle tasse comunali. In ordine, Imu, Tasi, Tari e addizionale Irpef, che pesano non poco nelle tasche dei lendinaresi.
“L’Imu - spiega Viaro - E’ nata nel 2012 e dal 2013 l’aliquota è ferma al 10,60 per mille”. Un ritocco all’insù, c’è invece stato per la Tasi. “L’aliquota è passata quest’anno dall’1,5 al 2,2 per mille per compensare i tagli dei trasferimenti dello Stato” precisa Viaro.
C’è poi la tassa sui rifiuti, conosciuta ormai come Tari, per la quale si è registrata una leggera retromarcia. “Quest’anno per la prima volta è diminuita di un punto percentuale per le utenze domestiche. Certo è poco, ma è comunque un segnale di inversione di tendenza” dice il sindaco. Infine, il freno a mano è stato tirato ormai da qualche anno per l’addizionale all’Irpef, rimasta ferma allo 0,8% dal 2011.
“Se è vero che i prelievi sono purtroppo alti – analizza il primo cittadino – è altrettanto vero che, in tutti questi anni di crisi e di continua diminuzione dei trasferimenti erariali, il comune di Lendinara ha mantenuto praticamente invariati i molteplici servizi resi ai cittadini”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl