you reporter

La giovane candidata: "Sì alla movida, ma no al degrado

Il caso

81716
A fronte dell'annuncio del lancio di una petizione sulla movida per far ritirare l'ordinanza da parte dei candidati della lista 3 Torri (capeggiata dal consigliere Adino Rossi), altri candidati giovani di liste avverse hanno visioni diverse sulla questione.


“L'ordinanza di sindaco e polizia locale? Non parlerei di stangata sulla vita del centro, piuttosto è stata solamente ribadita la necessità di garantire il riposo dei residenti in centro”.


A parlare è Gaia Sculli, la candidata 22enne della lista di centrodestra Giovanni Rossi Sindaco.


“Ogni volta che vengono organizzati eventi come quelli citati in questi giorni si sono registrate condizioni di degrado nella nostra piazza. Sono favorevole a questi eventi per i più giovani - continua la candidata - ma il sacrosanto diritto al riposo è fondamentale".


L'ordinanza, emessa in data 25 maggio, aveva, tuttavia, mosso gli animi della maggior parte dei giovani frequentatori dei bar del centro e degli stessi gestori dei locali.


Questi ultimi addirittura arrivati a minacciare di “boicottare” eventuali eventi futuri, a causa del carattere repressivo delle misure adottate. “Il giusto equilibrio deve essere fondamentale - conclude Sculli - per esempio, incentivando la movida durante l'orario dell'aperitivo, come sta già accadendo in paesi poco lontani da Badia, riscuotendo un successo non indifferente. Dico comunque ‘Sì’ ai bar aperti e al divertimento, ma ‘no’ al degrado e ai decibel fuori controllo".


Sulla "Voce" di giovedì 1 giugno l'articolo completo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl