Cerca

Le telecamere riprendono la baby gang durante il furto

Badia Polesine

Le telecamere di sicurezza riprendono due persone all'opera all'interno dell'Home Fashion di Badia Polesine: i ladri indossano abiti di moda tra gli adolescenti.
I ladri continuano a non dare tregua e prende sempre più forma la presenza di una baby gang a Badia Polesine. Nella notte tra lunedì 5 e martedì 6 giugno i predoni hanno messo a segno un altro raid che ha coinvolto il negozio “Home Fashion” di via Ca’ Mignola Nuova.



L’azione è incominciata all’esterno della struttura dove, per entrare, i malviventi hanno agito su una porta secondaria colpendone più volte la parte in vetro che, pur scheggiandosi, ha resistito. I ladri si sono visti costretti quindi a forzare la porta riuscendo, solo dopo vari tentativi, ad entrare. Le telecamere di sorveglianza hanno immortalato due uomini incappucciati di corporatura media.



Le immagini non permettono di distinguere i connotati dei taccheggiatori ma lasciano intendere la giovane età: entrambi indossano scarpe di moda fra gli adolescenti e felpe dello stesso tipo. L’azione, iniziata alle 23.27, si è interrotta dopo pochi minuti quando il sistema di antifurto ha incominciato a suonare. L’azione, reiterata malgrado il forte suono dell’allarme, lascia ipotizzare la presenza di almeno un terza persona nel ruolo di palo, all’esterno della struttura.



Nonostante il tempestivo arrivo dei Carabinieri i due sono fuggiti sottraendo un discreto numero di accessori da giardino. E’ la terza volta, in meno di due anni, che il negozio “Home Fashion” viene colpito dai ladri. “Nei due episodi precedenti - racconta il proprietario - erano stati prelevati anche soldi ma, da un po’ di tempo, a questa parte, proprio perché non si può stare tranquilli, non lasciamo più niente in cassa”. Per l’attività si stimano danni per circa un migliaio di euro.



Il servizio completo in edicola nella Voce di mercoledì 7 giugno
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy