you reporter

Casa del sorriso, Stroppa propone: “Nel Cda a titolo gratuito”

Badia Polesine

85508

La Casa del sorriso di Badia

07/07/2017 - 09:32

Sin dal messaggio iniziale del neo-eletto sindaco Giovanni Rossi, lo stesso primo cittadino aveva fatto appello all’importanza delle proposte della minoranza.



Il gruppo consiliare di Adesso Badia ha, da subito, voluto contribuire presentando una proposta che va ad interessare l’ambito della Casa di riposo, in particolare i compensi dei componenti del consiglio di amministrazione nominati dall’amministrazione comunale.



La compagine capeggiata dall’ex vice-sindaco Stroppa, infatti, ha sottoposto all’esame del consiglio comunale un suggerimento sugli emolumenti percepiti. “Penso che il gesto della riduzione del vostro compenso del 50% - ha commentato il capogruppo di minoranza - sia molto bello, ma questo è il mio suggerimento: che i membri del Cda nominati in Casa del sorriso, da parte della giunta comunale, non ricevano alcun compenso”.



“Nel 2012 - ha continuato Stroppa - con la maggioranza di allora, della quale faceva parte anche l’attuale sindaco Giovanni Rossi, abbiamo ridotto drasticamente i compensi del direttivo e del consiglio di amministrazione della casa di riposo, andando praticamente a decimare la cifra ricevuta: prima di quell’anno il presidente percepiva circa 1.400 euro mensili, adesso siamo riusciti ad abbassare l'introito mensile a 580 euro”.



L’attuale situazione economica della struttura è stata uno dei leitmotiv della campagna elettorale ed uno degli argomenti su cui i candidati si sono trovati più e più volte a discutere e a confrontarsi, data anche la preoccupazione dei dipendenti della casa di riposo riguardo alla possibilità di una privatizzazione.



Il servizio sulla Voce del 7 luglio

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl