you reporter

C'è crisi, ma si rinuncia a lavorare

Lendinara

80897

Il municipio di Lendinara

I progetti di inserimento lavorativo messi sul tavolo ci sono, così come però le rinunce. È un quadro in chiaroscuro quello che emerge dalle parole del sindaco Luigi Viaro e dell’assessore alle politiche sociali Federico Amal, in merito alle possibilità che l’amministrazione comunale, insieme ad altri enti, propone per dare una chance di inserimento lavorativo a chi si trova in difficoltà.


Se da una parte c’è chi decide di cogliere queste opportunità, dall’altra però non mancano le rinunce. “Non sempre i progetti di inserimento lavorativo trovano pieno accoglimento e, in questo ultimo periodo, si è verificato un elevato numero di rinunce, costringendo così a cambiamenti e sostituzioni delle persone beneficiarie e alla necessità di rimodulare le attività lavorative ed operative” spiega Federico Amal. “Soltanto per i progetti delle Borse lavoro, in collaborazione con la Caritas, si sono verificate quattro rinunce sulle sei disponibilità di inserimento lavorativo presentate”.


Parole, queste, a cui si aggiungono quelle del sindaco Viaro. “Il baratto amministrativo sta andando bene, abbiamo una quindicina di domande per questo. Per le Borse lavoro, invece, abbiamo dovuto registrare delle rinunce” informa. E spiega “Nonostante queste persone avessero fatto richiesta, dato disponibilità, per un motivo o per un altro quattro su sei hanno rinunciato alla possibilità di partecipare alle Borse lavoro, e quindi ad un’entrata di 700 euro mensili per sei mesi” sottolinea il primo cittadino.

Il servizio completo sulla Voce in edicola il 23 luglio

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl