you reporter

Caminada dell'Immacolata, luci e luminarie natalizie a Lendinara

L'8 dicembre

Immacolata Lendinara 2017 (4).JPG

L'accensione dell'albero di Natale

Nella mattinata di sabato 8 dicembre a Lendinara si è svolta la tradizionale “Caminada dell’Immacolata”, giunta ormai alla quattordicesima edizione. All’appuntamento organizzato dal Gruppo Podistico Città di Lendinara omologato alla Fiasp di Verona, con il patrocinio dei comuni di Lendinara e Villanova del Ghebbo, hanno partecipato in molti, grandi e piccini, gruppi e famiglie, nonostante la pioggia e hanno potuto rifocillarsi nel percorso nei punti organizzati per il ristoro.



Non si sono fermati alla mattinata gli eventi organizzati in occasione della celebrazione dell’Immacolata Concezione: alle 17, come da tradizione, le due comunità parrocchiali di San Biagio e Santa Sofia si sono trovate in Piazza Risorgimento davanti alla facciata dell’edificio del comune di Lendinara, per un omaggio alla Madonna, evento ben partecipato nonostante il tempo. A nome delle due comunità cristiane e di tutta la cittadinanza è stato offerto un omaggio floreale alla statua di Maria custodita nella facciata del Comune, che denota una forte integrazione tra la componente laica e quella religiosa della città. Dopo l’omaggio alla figura della Vergine, la cittadinanza si è idealmente riunita nella biblioteca comunale per evidenziare il clima di comunità, condividendo l’accensione di uno dei più popolari simboli natalizi: l’albero.



La simbolica accensione delle luci dell’albero, che è stato allestito al piano terra di Palazzo Boldrin, è stata un’occasione per un semplice momento amichevole di apertura del periodo natalizio, “un segno - ha commentato il sindaco Luigi Viaro - di speranza attiva grazie a chi dedica il tempo alla comunità”. Con lui Alda Marchetto, presidente della Fondazione Boldrin, che ha voluto ringraziare le persone con cui ha collaborato in questi quattro anni e con cui collabora giornalmente per la città. Anche Piazza Risorgimento è entrata nello spirito natalizio animandosi con l’installazione di un albero di luci intorno alla colonna con il leone di San Marco e con la proiezione di effetti luminosi sull’edificio delle Prigioni, effetti che rendono piacevoli le fredde serate in attesa del Natale.



Il servizio in edicola nella Voce di sabato 9 dicembre

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl