you reporter

Lendinara

Taglio dei tigli, ancora polemiche

L’assessore all’ambiente Valentini ha precisato che si tratta di alberi malati e pericolosi: "E ne abbiamo ripiantumati oltre 70 dal 2017".

Taglio dei tigli, ancora polemiche

Il taglio degli alberi a Saguedo

Qualche polemica torna a farsi sentire, ora che è stato abbattuto anche l’ultimo tiglio quasi centenario del parcheggio di Saguedo. “Ancora una volta in primavera quando gli alberi sono in piena vegetazione così come la nidificazione”, hanno denunciato alcuni cittadini sui social. L’ultimo tiglio tagliato in questi giorni era stato risparmiato dal taglio avvenuto lo scorso anno per i tigli circostanti valutati come ammalati.

Non senza una vena polemica, i cittadini si sono chiesti se la malattia possa sopraggiungere a solo un anno di distanza dall’ultima rilevazione. “Non siamo felici quando si tratta di abbattimento - aveva già precisato l’assessore Valentini - ma in alcuni casi la situazione di malattia diagnosticata è così avanzata che non si può fare altrimenti. Purtroppo anche gli alberi hanno un ciclo di vita e delle malattie impossibili da curare”.

Altro argomento ‘caldo’ sottolineato dai cittadini è il fatto che gli alberi che ora saranno ripiantumati rappresenteranno comunque una perdita ambientale per il taglio di alberi d’alto fusto avvenuto l’anno scorso, e che aveva suscitato numerose polemiche nella comunità di Saguedo. Le piante che verranno messe a dimora saranno ovviamente più piccole rispetto a quelle tagliate, ma saranno comunque ad alto fusto e permetteranno nei tempi fisiologici di raggiungere un buon risultato di copertura anche a livello di riparo dal sole.

La ripiantumazione non sarà solo una questione di compensazione, aveva sottolineato il sindaco Luigi Viaro alla riunione pubblica della Consulta territoriale, “ma è pensato per la valorizzare del centro della comunità, per questo non sarà creato parcheggio in più ma mantenuto quello che c’è”. L’assessore all’Ambiente Lorenzo Valentini precisa che “siamo nei tempi con gli interventi di taglio e piantumazione, e l’ufficio che ha in carico la procedura conosce le leggi che regolamentano questi interventi, così come la ditta incaricata. I tagli sono fatti dall’alto verso il basso del fusto, proprio per permettere di verificare in caso di presenza di nidificazione se questi siano ormai secchi e abbandonati. Purtroppo però l’intervento di taglio va fatto perché un’alberatura malata non permette condizioni di sicurezza”.

Invita i cittadini che vogliano controllare l’iter degli interventi a rivolgersi agli uffici: “Le porte sono aperte e siamo a disposizione per valutazioni da fare. Teniamo però presente non solo gli alberi abbattuti ma anche gli oltre settanta alberi che sono stati messi a dimora dal 2017 a oggi”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl