you reporter

Badia Polesine

Un rappresentante per ogni via

La nuova formula per il direttivo degli operatori economici badiesi.

Un rappresentante per ogni via

Un rappresentante per ogni via è la soluzione trovata dai commercianti badiesi per tenere in vita l’Aoeb. Martedì sera, il direttivo degli operatori economici badiesi ha organizzato un incontro per fare il punto della situazione e discutere sul futuro dell’associazione alla fine del proprio mandato, previsto per il prossimo fine dicembre.

“Sono passati quasi sei anni da quando mi sono trovato in mezzo a questa avventura - ha esordito il presidente dell’Aoeb Marco Fogagnolo - insieme ad un gruppo di persone che si conoscevano a malapena, senza avere mezzi o supporto d’affiancamento dal precedente consiglio. Ci siamo rimboccati le maniche, partecipando a tante manifestazioni. Altre le abbiamo organizzate al 100%, anche se molte non erano di nostra competenza, ma per evitare di veder spegnersi un paese ce le siamo prese a carico”.

Fogagnolo non ha mancato di tirare le somme sulla collaborazione con altre realtà: “Con la precedente Pro loco non avevamo un buon feeling, mentre ora la situazione è notevolmente cambiata. Sono stati sei anni di collaborazione con il Comune e con due amministrazioni, anche se invito quella attuale ad essere più presente e interessata alle loro attività”. 3.500 euro e qualche addobbo natalizio è quanto ha lasciato in eredità il precedente direttivo: ora il saldo economico è a zero, ma la lista di materiale è aumentata e non ci sono debiti a carico.

“Da una parte provo sollievo, dall’altra dispiacere lasciare questa associazione, ma la ruota gira e invito tutti coloro che hanno lo spirito giusto a darsi da fare e dare vita al nostro paese, per non far morire un’associazione arrivata a contare 200 soci ed esistente dal 1995 - ha concluso Fognagnolo - Sarebbe triste trovarsi senza nessun candidato, facendo morire l’Aoeb”. L’ultimo impegno dell’attuale direttivo sarà l’organizzazione delle attività del Natale, dopodiché si lascerà spazio ad altre persone, pur rimanendo disponibile per supportare ed affiancare i nuovi arrivati.

“E’ un’associazione fondamentale per Badia - ha commentato il presidente della Pro loco Giuseppe Romani - è una grande realtà con grandi potenzialità. Ci sono circa 60 associazioni, e dobbiamo imparare a fare rete tra noi. Va però detto che, rispetto ad altre città vicine, Badia non ha un restyling del centro storico da 40 anni: è qui che abbiamo bisogno di investire se si vuole tenerla in vita”. Nonostante quest’anno la quota associativa sia stata portata a zero, l’associazione fatica a trovare iscritti. “Quello che spaventa è l’impegno che ne consegue” ha pensato Loris Galvan, segretario dell’Aoeb.

E infatti, anche durante l’incontro, non sono mancate le difficoltà a trovare nuovi “eredi”. Tuttavia, è stato l’interesse a non far morire l’Aoeb a prevalere, decidendo di tenerla in vita con una nuova formula: ogni via avrà il proprio consigliere che l’anno prossimo andrà a formare il nuovo direttivo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl