you reporter

BADIA POLESINE

"Casa del Sorriso alla deriva, serve un cambio immediato o si va al fallimento"

L'intervento del Pd locale sulla drammatica situazione della casa di riposo

Casa del Sorriso, bilancio in rosso

"Prossima fermata il fallimento. Il recente comunicato delle sigle sindacali, sulla drammatica situazione che si respira all’interno della Casa del Sorriso, non lascia spazio ai dubbi e certifica ciò che, come PD, sosteniamo da diversi mesi. La Regione del Veneto (con in testa Zaia, in procinto di girare il Veneto per ottenere l’ennesimo disastroso mandato amministrativo) e la Lega hanno gettato il nostro sistema di ricovero locale nel baratro", così la nota del Pd di Badia sulla situazione della casa di riposo.

"A fronte dei continui nuovi aumenti delle rette (l’ultimo, peraltro, ritenuto inopportuno anche dall’Assessore Lanzarin), del non ascolto delle continue esternazioni del Comitato dei famigliari, e della mancanza di una nuova politica di gestione della Casa del Sorriso, la situazione che si é venuta a creare non può che destare preoccupazione nei badiesi e serie perplessità sia sulle capacità manageriali dell'attuale Cda che sul potere di controllo dell'Amministrazione comunale.
Siamo già in attesa di un comunicato pieno di giustificazioni del Cda, del Sindaco, della Lega e di Zaia che a nulla serviranno se non a certificare il fallimento politico di questa gestione. Il Sindaco Rossi farebbe bene a convocare urgentemente il CDA in Consiglio comunale per chiarire la grave situazione finanziaria dell’ente ma dovrebbe anche valutare un cambio dei vertici della Casa del Sorriso visto che il famoso e famigerato “corridoio verde” non sta producendo nulla di buono se non la messa in pericolo dei servizi forniti e del futuro dei lavoratori dell'ente, senza i quali la Casa non sarebbe nemmeno operativa".

"Noi come Partito Democratico, continuiamo a sostenere la nostra visione della Casa di riposo: non un semplice ricovero per anziani, ma un incubatore sociale della collettività che possa aprirsi ed offrire servizi ai cittadini ed opportunità che rafforzino il benessere sociale, senza contare la presenza di un nucleo dedicato alla cura dell’Alzheimer senza precedenti nel basso Veneto, che potrebbe essere implementato e potenziato per diventare fulcro di cura, studio e ricerca di questa malattia. Da parte sua la Regione Veneto dovrebbe perdere meno tempo in proclami, sfilate o incensamenti del Presidente presso i palazzetti veneti e iniziare ad erogare le giuste risorse alla struttura e a mettere seriamente mano alla riforma delle Ipab annunciata già 5 anni fa e mai valutata e discussa in sede consiliare, ma già pronta ad essere riutilizzata come carta elettorale per imbrogliare il popolo veneto alle prossime elezioni regionali".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl