you reporter

Lendinara

Si è spento il “papà” del cinema

Giorgio Baratella, storico operatore del cinema lendinarese, è scomparso a 70 anni

Si è spento il “papà” del cinema

Giorgio Baratella, lo storico operatore del cinema lendinarese, nei giorni scorsi si è spento a 70 anni dopo un breve periodo di degenza alla “Casa del Vento Rosa” di Lendinara. Lascia la moglie Guerrina, un punto fermo nella sua vita. Storica la sua figura, visto che è stato l’ultimo operatore della macchina da presa dietro lo storico cinematografo. Per anni, infatti, aveva lavorato al cinema teatro Ballarin, come operatore di macchina, quando la struttura serviva sia da teatro che da sala di proiezione. Appassionato del suo ruolo, è rimasto fedele al cinema fino alla sua chiusura nel 1984, quando è passato dalla gestione privata a quella comunale.

Aveva poi condotto un’esistenza serena, fino a incontrare un nemico che non è riuscito a battere, e del quale aveva parlato anche alla presentazione del libro di Andrea Spinelli, dal titolo “Se vivo cammino, se di cancro si muore pur si vive”. Una lotta che però non è riuscito a portare a termine, con il cancro alla testa del pancreas, che l’ha costretto a una breve degenza nella struttura all’ombra del santuario della Madonna del Pilastrello, luogo religioso al quale Giorgio era legato fin dalla più giovane età. I funerali si sono tenuti nella struttura alla sola presenza dei familiari, seguendo le disposizioni vigenti per l’emergenza del Coronavirus.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl