you reporter

Badia Polesine

Festival dei popoli, si parte

Elli De Mon ha aperto sabato sera la 37esima edizione del Festival dei popoli

Festival dei popoli, si parte

Le sonorità blues e rock’n’roll di Elli De Mon hanno aperto sabato sera la 37esima edizione del Festival dei popoli, in programma fino a domenica prossima alla Casa della cultura e della legalità di Salvaterra. Ad aprire ufficialmente la rassegna sono state le parole di Remo Agnoletto, presidente del Centro documentazione polesano, l’associazione organizzatrice del Festival, che ha evidenziato la soddisfazione di essere riusciti a portare avanti l’ormai consolidato appuntamento anche in questo difficile momento storico. “Non volevamo perdere l’anno - ha sottolineato il numero uno del Cdp - ed anche se la rassegna è stata posticipata di qualche settimana rispetto al solito, ci siamo impegnati anche a cambiare un programma che era già pronto a febbraio. Lo stop che è stato imposto ci ha poi fatto riprogrammare tutto per settembre. ‘La normalità era il problema’ è il titolo del Festival di quest’anno, che ha l’obiettivo di sostenere una cultura dei diritti umani. La crisi generata dalla pandemia può rappresentare l'occasione per avviare cambiamenti non più procrastinabili”.

Il sound ipnotizzante della polistrumentista vicentina Elisa De Munari, in arte Elli De Mon, ha poi trasportato il pubblico in un viaggio alla scoperta delle sonorità blues, la “musica del demonio”. La protagonista della serata ha eseguito tutti i brani senza mai ricorrere all'intervento di altri musicisti, destreggiandosi tra chitarre, sitar, grancassa, rullante e sonagli, ed intervallando l'elettrizzante esecuzione dei brani a momenti di condivisione con il pubblico di aneddoti personali e di storia della musica blues, senza dimenticare di mettere in risalto il ruolo fondamentale delle donne, seppur appunto all'epoca “demonizzate”, nel far nascere il genere musicale. Gli appuntamenti in programma alla Casa della cultura e della legalità proseguono questa sera con l'incontro “Per una sanità delle persone e non della medicina - La sanità come misura della democrazia” che avrà per protagonista Gianni Tognoni, segretario generale del Tribunale permanente dei popoli.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl