you reporter

BADIA POLESINE

Museo, il sindaco scrive al ministro: servono 800mila euro per completarlo

Franceschini risponde sul contributo statale. Rossi: “Il nostro è nell’elenco dei progetti ammessi”

Museo, il sindaco scrive al ministro: servono 800mila euro per completarlo

Continua il “pressing” dell’amministrazione comunale di Badia Polesine per riuscire a portare a casa gli 800mila euro necessari al completamento del museo civico Baruffaldi.

Nei giorni scorsi, il sindaco Giovanni Rossi ha scritto direttamente al ministro alla cultura Dario Franceschini per chiedere notizie in merito al contributo statale del bando “Bellezza”, la cui somma è necessaria per poter ultimare i lavori al museo civico cittadino. Il primo stralcio dei lavori, infatti, si è concluso in occasione delle scorse festività natalizie, mentre il completamento del secondo stralcio previsto dal progetto è ancora in attesa del contributo statale.

Dell’aggiudicazione della somma si è avuta notizia alla fine del 2017, però ad oggi il Comune non ha ancora ricevuto alcuna cifra: dopo 3 anni si aspetta ancora di poter siglare la convenzione con il ministero, uno step essenziale al fine dell’ottenimento del contributo necessario al completamento dei lavori, tuttora in stand-by. Per questo motivo, il primo cittadino ha deciso di rivolgersi direttamente al Governo. “Ho scritto al ministro della cultura Dario Franceschini - spiega il sindaco Rossi - ed ho ottenuto una risposta attraverso il suo segretario personale, il quale mi ha aggiornato sull’iter. Mi è stato riferito che ancora non è uscito il decreto del presidente del consiglio dei ministri con l’elenco dei progetti ammessi. Quando il decreto sarà uscito e registrato, il nostro progetto ci sarà”.

“Se non altro abbiamo avuto una risposta - riflette il primo cittadino - La cosa positiva è comunque che Badia è presente e siamo in elenco”. Nei mesi scorsi, a muoversi tra gli uffici romani cercando di dare una spinta al progredire della procedura, è stata anche l’onorevole e vicesindaco Antonietta Giacometti, che ha cercato di avere notizie sullo stato di attuazione della convenzione, la cui firma era attesa per i primi mesi dell’anno in corso ma che poi, a causa del lockdown, è stata posticipata.

Gli oltre 800mila euro promessi dal bando “Bellezza” del Governo permetteranno di procedere con il secondo stralcio, che si concentrerà prevalentemente sugli arredamenti e più in generale su ciò che rimarrà da sistemare all’interno del museo.

L’amministrazione comunale di Badia Polesine ha nel frattempo ottenuto una proroga da parte della Fondazione Balzan fino a tutto il 2021 per il trasferimento della Collezione Balzan al Baruffaldi, ora custodita nel ridotto del teatro sociale, mentre l’Ultima Cena del Bonsignori rimarrà nel Comune di San Benedetto Po sino a quando i lavori non saranno terminati.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl