you reporter

LENDINARA

Ecco la fibra, per la connessione superveloce

La nuova tecnologia sarà presto estesa anche alle frazioni, dopo che il centro è già coperto

Ecco la fibra, per la connessione superveloce

La fibra ottica è in arrivo a Lendinara. Lo annuncia finalmente il sindaco Luigi Viaro dopo una prima fase progettuale sul territorio comunale che risale al 2015, quando Infratel Italia ha emesso un piano nazionale per collegare con rete in Ftth (fiber to the home) tutte le aree che erano completamente scoperte. Open Fiber è la ditta che si è aggiudicata a livello nazionale l’appalto per la realizzazione della rete.

E’ stato quindi suddiviso il territorio con Telecom, che ha iniziato a coprire alcune aree con la propria rete Fttc (fiber to the cabinet armadi stradali, ultimo miglio in rame) e si è quindi deciso di agire dove vi fosse una convenienza nella costruzione della rete e soprattutto al di fuori di queste aree già coperte. E’ proprio il caso di Lendinara: il cuore del centro è infatti già coperto dalla tecnologia Fttc, quindi non sarà interessato dalla connessione in Ftth, ma solamente da scavi di collegamento per l’area oltre la ferrovia, nella zona di via Duode. La bella notizia è che invece questa tecnologia sarà portata nelle frazioni di Valdentro, Molinella e Treponti in un primo momento, e nella seconda fase anche in parte delle frazioni di Saguedo e Barbuglio.

Verranno collegate in fibra ottica una delle antenne del campo sportivo, quella dell’eco-area dopo il cimitero e quella di via Papa Giovanni Paolo II, dove è già stato predisposto un apparato Fwa che permetterà di andare a coprire tramite ponte radio tutte le unità abitative non connesse con il cavo, ma garantendo comunque una banda di 30 mega.

Il progetto prevede il riutilizzo di infrastrutture interrate e tratte aeree esistenti di Enel e Telecom, dell’illuminazione pubblica, oltre che la realizzazione di nuovi scavi con la tecnica della mini-trincea, della trivellazione no-dig, di scavi in banchina sterrata o sulla sede stradale con il metodo della trincea tradizionale.

Il progetto iniziale ha però già subito delle variazioni, dovute alle problematiche riscontrate in fase di esecuzione, “e subirà migliorie continue - precisa il comunicato - fino alla fine delle opere civili, rimarranno comunque invariate le zone scelte per il collegamento con tecnologia Ftth. La nuova rete si chiamerà Bull rete pubblica, e una volta ultimati i lavori sarà attivata la fase di vendita che sarà gestita direttamente dai vari operatori telefonici”.

La ditta esecutrice del progetto è Telebit, la stessa che ha già collegato Canda, Lusia, Villanova del Ghebbo, San Martino di Venezze, Barbona e Gaiba.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl