Cerca

Lendinara

Ciao Franco, innamorato della città

Franco Conti aveva 72 anni: aveva scelto di vivere qui e ha lottato per promuovere le bellezze locali

Ciao Franco, innamorato della città

Il vicolo dei Da Carrara a Lendinara non sarà più lo stesso senza Arte nel Web, Franco Conti. Lendinarese d’adozione, Franco era arrivato qui circa vent’anni fa dalle bellezze della sua terra, tra Spoleto e Terni, dove abita il figlio Lorenzo con la nuora Michela e il piccolo Pietro. Sono stati loro a dare l’allarme nella mattinata di ieri, dopo che non rispondeva al telefono da un paio di giorni. Subito, tutti in piazza si sono mossi per capire cosa fosse successo a Franco ed eventualmente prestargli soccorso. Dalla Pro loco, all’amministrazione comunale, agli amici stretti.

Perché Franco a Lendinara lo conoscevano tutti. E piazza Risorgimento non sarà più la stessa senza il suo cortese saluto mentre andava a bersi un caffè con la sua amata cagnolina Bella, escogitando novità per dare visibilità a questa città in cui aveva scelto di abitare. L’impegno di tutti, però, non ha potuto salvare Franco, che è stato trovato privo di vita nella sua abitazione, vegliato dalla sua Bella.

Classe ’50, attivo nel campo dell’informatica, antesignano dei social aveva dato vita a un forum online che permettesse a tutti di ricevere notizie su Lendinara. Noto per il suo impegno politico, amante di De André, partecipava attivamente alla vita del paese con la determinazione che lo contraddistingueva. Personalità molto forte, tante le sue battaglie che si ricordano, ma sempre con cortesia e rispetto, disponibile come lo ricordano gli amici che non si aspettavano di dovergli dire addio in queste circostanze. “Pur non essendo lendinarese, lo è stato a tutti gli effetti”.

Dalla rievocazione storica di Garibaldi, al presepe vivente, passando per le biciclettate e in generale agli eventi cittadini. Webmaster di molti siti locali, perché gli piaceva scommettere sulla diffusione delle potenzialità del territorio, aveva raggiunto un buon risultato con il progetto “Cultura diffusa”, che aveva confermato l’attenzione per la promozione del territorio polesano e dei suoi prodotti con PolesineStore. Kulturando è il nome dell’associazione che aveva creato con gli amici, per sostenere questo progetto che da anni stava portando avanti al fine di sensibilizzare le amministrazioni alla fruizione da parte dei turisti di punti culturali della città o del proprio paese, sensibilizzando al contempo anche i propri concittadini nei confronti del patrimonio artistico e culturale dei beni da loro amministrati.

Franco lascia alla città di Lendinara e ai dintorni un’eredità culturale, che passa attraverso le “tabelle” con i Qr code che in questi anni sono state installate sui principali monumenti. Ancora non è nota la data delle esequie; non è escluso che il magistrato disponga ulteriori accertamenti sulle circostanze della morte.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy