you reporter

L'assessore Sacchetto replica <br/> "Parisotto dimenticò i cittadini"

44340
CAVARZERE - E’ di qualche giorno fa l’ampio intervento sul nostro giornale del consigliere di minoranza Pier Luigi Parisotto, che si soffermava in maniera critica sulla questione relativa agli scavi di via dei Martiri, attaccando in particolare l’assessore ai lavori pubblici Renzo Sacchetto.

“E’ stata un’imposizione dell’assessore Renzo Sacchetto a giunta e maggioranza –affermava Parisotto, a proposito degli scavi, sulle pagine de ‘La Voce di Rovigo’ di domenica – che portò alla cacciata di chi lo contraddisse, dei colleghi Bettinelli, Piazzon e Zulian, e all’uscita dalla maggioranza dei consiglieri Belloni e Marzia Tasso”.

Oggi arriva la replica dell’assessore chiamato direttamente in causa, che dà la sua versione dei fatti. “La verità documentabile dagli atti è che la delibera sui reperti archeologici fu presentata in mancanza del sindaco proprio dal vicesindaco Otello Piazzon – così Sacchetto – che la portò in giunta e fu votata all’unanimità da tutti gli assessori, ossia Ezio Bettinelli, Fabrizio Zulian, Heidi Crocco, il vicensindaco Piazzon e il sottoscritto”.

L’assessore Sacchetto conclude passando al contrattacco: “Parisotto ha sempre pensato alle grandi cose – così Sacchetto – come il municipio e il teatro, sperperando denaro e dimenticandosi dei propri cittadini che per recarsi a piedi a San Giuseppe dovevano passare un ponte in piastre di ferro e buchi, ora sistemato, o che in intere zone della città avevano strade completamente al buio. Mancavano solo il tappeto persiano o il lampadario di Murano in quella che ormai credeva fosse per sempre la sua dimora, il municipio”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl