you reporter

Terremoto in casa Pd a Cavarzere: Viola lascia, Fabian non vota

Il congresso

maggioranza comune cavarzere pd.JPG

La maggioranza in consiglio a Cavarzere: non più così sorridente ormai

04/04/2017 - 00:30

Terremoto in casa del Partito democratico a Cavarzere che, nella giornata di domenica 2 aprile, ha votato sia per l’elezione del nuovo segretario comunale - Sabrina Perazzolo, attuale presidente del consiglio comunale - che per presentare i delegati alla convenzione provinciale in vista dell’elezione del prossimo segretario nazionale.



Una domenica di passione, si diceva, non tanto per i risultati della votazione, che ha visto in questa prima fase congressuale che ha coinvolto i 473 circoli presenti in Regione, prevalere il segretario uscente Matteo Renzi, che a Cavarzere ha ottenuto 63 preferenze, quindi Michele Emiliano con 5 e Andrea Orlando con 4. E nemmeno per i delegati eletti, Nicoletta Visintin, Mattia Pianta, Sabrina Perazzolo e Marco Pilotto.



Ma si è generata una frattura con la non partecipazione alle operazioni di voto da parte di Elisa Fabian, consigliere comunale, peraltro la più votata tra le fila del Pd, e del collega di maggioranza, e di partito, Francesco Viola, che ha pure deciso di lasciare il Pd. Una rottura roboante, soprattutto per la scelta dei modi - durante un congresso - e per i toni: decisamente perentori.



Duri attacchi ai colleghi di partito e pure colleghi consiglieri della maggioranza guidata dal sindaco Henri Tommasi. A rispondere Chiara Tasso, capogruppo del Pd e componente del direttivo locale che ha stigmatizzato la scelta di non affrontare il confronto nel Pd, accusando Fabian di avere già aderito ai Democratici Progressisti, i fuoriusciti dem.



Il servizio completo in edicola nella Voce di martedì 4 aprile

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl