you reporter

SPRECO

L’acqua diventa un problema

Tra condutture che si rompono e fontanazzi lungo gli argini, le segnalazioni dei cittadini sono sempre più numerose

L’acqua diventa un problema

Il problema dell’acqua, a Cavarzere, va di pari passo con quello della incuria per il verde pubblico. Tra condutture che si rompono e fontanazzi lungo gli argini, le segnalazioni dei cittadini sono sempre più numerose. Ma soprattutto gli interventi si fanno sempre attendere troppo tempo.

In località Buoro, nella frazione di Boscochiaro, ormai da più di venti anni due famiglie vivono in una rilevante situazione di disagio, in quanto alcuni fontanazzi d’acqua che fuoriescono dalla scarpata, dovuti alla pressione del canale Gorzone, rendono la strada e il terreno davanti alla loro abitazione, non asfaltato, un acquitrino.

Tanti i tentativi per provare a fare valere le loro ragioni, contattando più e più volte gli enti di competenza, ma nessun risultato è ancora stato ottenuto. I due nuclei familiari sono ancor oggi in attesa di una verifica da parte degli enti di come si possa intervenire.

In località Viola, sempre a Boscochiaro, il 26 agosto scorso è stata segnalata la rottura di un tubo e la perdita di acqua.

Una segnalazione che, a oggi, è ancora caduta nel vuoto, senza alcun intervento da parte dell’amministrazione comunale o delle aziende deputate alla gestione dell’acqua pubblica. L’acqua continua a disperdersi nella campagna ma al di sotto di un tombino chiuso, dal quale esce l’acqua in eccesso.

“Stiamo parlando di acqua che si disperde da oltre tre anni - commentano i residenti della zona - e prima che arrivi il genio a dire che basta segnalare, ci teniamo a precisare che gli abitanti del posto hanno già provveduto all’invio di diverse lettere scritte e fatto diverse chiamate al gestore. Intanto dai rubinetti esce acqua sporca, le tasse si pagano e abbiamo buttato sul terreno migliaia di metri cubi di acqua”.

“Da oltre tre anni a nulla sono valsi incontri con il sindaco e tutte le raccomandate che ho mandato a chi gestisce il servizio - aggiunge un altro residente - i tecnici due anni fa hanno provveduto a prendere le ‘misure’ di tutta la linea, ma il progetto è rimasto chiuso a chiave in un cassetto ben custodito”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: 354ª Fiera di Lendinara
speciali: Turatti Group

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl