you reporter

Politica

Sinistra Italiana: “Materna, lavori mai partiti”

La segnalazione sulla scuola materna Collodi: “Il trasferimento sarebbe dovuto avvenire a Natale, se fossero iniziati ad agosto gli interventi”

Sinistra Italiana: “Materna, lavori mai partiti”

A causa dell’iter procedurale i lavori di agosto ai nuovi padiglioni scolatici della scuola materna hanno tardato ad iniziare. “I lavori per rendere operativo i nuovi locali non sono iniziati e lo spostamento dei bambini era fissato per Natale - sbotta il circolo locale di Sinistra Italiana - pensare che in 25 giorni potessero iniziare i lavori è stata una leggerezza del comune”.

Era il primo agosto quando l’amministrazione comunale si era riunita nel teatro “Tullio Serafin” per discutere in merito alle condizioni e al futuro della scuola materna “Carlo Collodi” di Cavarzere. In quella occasione il sindaco Henri Tommasi e l’assessore ai lavori pubblici Cinzia Frezzato avevano illustrato i tempi e le modalità con cui i bambini della scuola sarebbero stati spostati nei nuovi padiglioni del plesso scolastico, in quanto - a causa della vetusta struttura - si è ritenuto necessario eseguire importanti lavori di manutenzione. Le condizioni della scuola materna erano state giudicate critiche, sia sotto l’aspetto igienico sanitario sia sotto l’aspetto della sicurezza.

“Il trasferimento da una sede all’altra sarebbe dovuto avvenire durante le vacanze natalizie e venne ribadito, più volte e chiaramente, che i lavori necessari a rendere operativa la nuova sede sarebbero iniziati il 26 agosto. Da allora, dopo due mesi, i lavori non sono ancora iniziati - insorge il circolo di Sinistra Italiana - circa 20 giorni fa il sindaco, di fronte alle crescenti perplessità dei genitori per il mancato inizio dei lavori nei tempi stabiliti, ha esplicitato che vi erano stati degli intoppi e che l’iter procedurale si stava concludendo”. “In ogni caso, sindaco e assessore avrebbero dovuto sapere che, per realizzare una qualsiasi opera pubblica, vi sono precise regole da seguire e rispettare. Pensare che in 25 giorni, soprattutto nel periodo di Ferragosto, potessero iniziare i lavori è stata una ‘leggerezza’, per usare un eufemismo - ribadisce Sinistra Italiana - l’auspicio è che questo iniziale ritardo non pregiudichi il passaggio dei bambini dalla vecchia alla nuova struttura scolastica fissato per il periodo natalizio, durante la pausa scolastica”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl