you reporter

CHIOGGIA

Buoni spesa, 581 domande per 165.200 euro

E' uscita la graduatoria degli aventi diritto

Buoni spesa: l’ora dei negozianti

27/02/2021 - 17:25

L’emergenza sanitaria legata al Covid-19 ha determinato per molte famiglie del comune di Chioggia crescenti problematiche di natura economica. Per questa ragione, a seguito della determina 370 del 16 febbraio scorso, è stata resa nota nella pagina del sito internet del comune (www.chioggia.org , sezione bandi e avvisi) la graduatoria degli aventi diritto ai buoni spesa. Il totale delle domande ammesse al contributo è pari a 581, non poche in relazione alla popolazione residente nel territorio clodiense (48.169 abitanti). L’importo totale finanziato è pari a 165.200 euro. Dalla graduatoria è possibile evincere, oltre al riferimento dell’istanza, l’importo che verrà corrisposto e le motivazioni dell’eventuale esclusione dal beneficio. In ogni caso chiunque abbia presentato la domanda dovrebbe avere ricevuto una e-mail con l’esito e, per gli ammessi, è già iniziato il contatto telefonico dei volontari di Caritas Diocesana (gestore dell'Emporio della Solidarietà di Chioggia) o del Centro di solidarietà Anna Dupuis (gestore del Banco Alimentare di Chioggia), per la consegna delle card alimentari oppure direttamente la spesa a domicilio, per le persone in stato di difficoltà con capacità di mobilità ridotta.

Nonostante la scorsa estate gli esercizi commerciali e gli stabilimenti balneari abbiano riaperto i battenti, alcuni anche con discreti risultati (ristoranti), non sono pochi gli esercizi che hanno dovuto soccombere già dai mesi di settembre e ottobre. Chiaramente a soffrire è l’intero indotto; in particolare proprio quei lavoratori stagionali che nel rodato “meccanismo” lavoro-Naspi si sono trovati a non potere beneficiare del sussidio di disoccupazione perché già eroso in condizioni “ordinarie”.

“Visto l’ammontare delle risorse e l’esito della valutazione delle domande, saremo in grado di dare risposta a tutti gli idonei in graduatoria – commenta il sindaco Alessandro Ferro – e le consegne potranno partire già da subito. Le domande sono state controllate individualmente dai Servizi sociali e classificate idonee o meno, a seconda del possesso dei requisiti e delle condizioni richieste dall’avviso. Ora gli uffici, che ringrazio, continueranno le operazioni di assistenza e verifica, in collaborazione con gli enti del terzo settore coinvolti nell’operazione”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl