you reporter

Chioggia

Stop Astrazeneca, 30 spediti a casa

Bloccati gli ultimi che dovevano ricevere la dosi: si “rifaranno” con Pfizer e Moderna

Stop Astrazeneca, 30 spediti a casa

16/03/2021 - 17:51

Erano cominciate a grande ritmo, ieri mattina, le prime vaccinazioni fatte al terminal portuale dell’Aspo in Val da Rio. Le stanze per l’utilizzo da parte del personale dell’Ulss 3 Serenissima sono state date in concessione dall’Aspo, società che gestisce il porto di Chioggia. Ma a causa del blocco del vaccino Astrazeneca che, nel pomeriggio di ieri, ha di fatto fatto sospendere tutte le somministrazioni, da oggi saranno vaccinati tutti con gli altri due farmaci, Pfizer e Moderna. Una trentina circa di persone ieri sono state stoppate e ricontattate dalla Ulss 3 che ricomincerà da stamattina proprio da loro con la somministrazione degli altri due vaccini. Il sevizio funzionava già a pieno regime con tre batterie e ad essere vaccinati sono stati le classi che vanno dal 1930 al 1935. Il piano terra del Centro Direzionale Servizi Portuali, patrimonio immobiliare della Camera di Commercio di Venezia Rovigo, per le sue caratteristiche e gli ampi spazi, circa 400 metri quadrati suddivisi in varie stanze, si presta, in modo particolarmente efficace, a garantire, nella massima sicurezza, le operazioni di vaccinazione di massa.

Ieri si è tenuto anche un sopralluogo a cui ha partecipato anche il sindaco Alessandro Ferro, due volontari della Protezione civile e l’associazione nazionale carabinieri. “La partenza a pieno regime del nuovo punto vaccinale a Chioggia, in sede Aspo, dimostra che anche la popolazione di clodiense continua a rispondere positivamente alla chiamata contro il Covid 19 - dice il direttore generale dell’Ulss 3 Serenissima Edgardo Contato - in questa prima giornata le operazioni di anamnesi, inoculazione delle dosi e prenotazioni dei richiami sono avvenute a ritmo spedito per gli anziani che si sono presentati, appartenenti alla classe d’età tra il 1930 e il 1935. Il nostro lavoro, il nostro obiettivo, la nostra priorità è quella di vaccinare più popolazione possibile, per riuscire a liberare anche la città di Chioggia da questa bestia che si chiama Coronavirus”. “Un centro preparato a tempo di record – spiega il primo cittadino Alessandro Ferro - ringrazio il personale medico e sanitario dell’Ulss 3 per la tempestiva messa in funzione del centro il direttore generale Contato per aver mantenuto la parola datami venerdì scorso, così come ringrazio per la disponibilità i tanti volontari della protezione civile”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl