you reporter

POLITICA

Parisotto: “Ciclabile di via Dante non a norma”

“Era l’unico modo perché la pista fosse fruibile in sicurezza da parte degli utenti più fragili”

Parisotto: “Ciclabile di via Dante non a norma”

13/04/2021 - 23:28

“La pista ciclabile di via Dante sembra tutto fuorché a norma del codice della strada: è pericolosa soprattutto per i pedoni e gli utenti più fragili. Sarebbe stato opportuno redigere un progetto che prevedesse l’esproprio delle aree necessarie e che garantisse veramente la fruibilità della via delle scuole in piena sicurezza”. Queste le dichiarazioni di Pierluigi Parisotto, consigliere comunale e capogruppo della lista Tricolore, in merito al nuovo progetto di mobilità lenta realizzato dalla maggioranza del sindaco Henri Tommasi, in via Dante Alighieri, nella quale si trovano la maggior parte dei plessi scolastici del capoluogo.

“Prendo spunto dai recenti atti vandalici commessi in via Dante, prima di tutto per condannarli categoricamente: non possono essere né accettati né giustificati per nessuna ragione - ha iniziato Parisotto, riferendosi ai gesti compiuti nei confronti della segnaletica della nuova ciclabile, che qualche giorno fa è stata piegata a tal punto da sbarrare la circolazione nella stessa - certamente, però, posso dire che mi aspettavo che prima o poi sarebbe successo qualcosa in questa via; a mio modesto parere la realizzazione di questo progetto è quanto di più sbagliato si potesse realizzare. Il sindaco Tommasi e la sua giunta di incapaci e inconcludenti lo hanno approvato alla vigilia di Natale, ma evidentemente senza nemmeno leggerlo, altrimenti si sarebbero accorti dalle misure (ammesso che ci fossero) che così concepita non poteva rispettare le norme del codice della strada. Essendo questa la via principale che conduce ai plessi della scuola materna, elementare e media del centro, il carico di mezzi pubblici e privati, di biciclette e pedoni è enorme da settembre fino a giugno di ogni anno, e proprio i pedoni, imboccando la strada da via Spalato, si ritrovano a dover passare su un marciapiede di larghezza modestissima, presente sul lato nord, limitato ulteriormente dai pali della luce o da recinzioni sporgenti; marciapiede che termina all’entrata della scuola materna ed elementare. I numerosissimi studenti a questo punto, per raggiungere la scuola media Cappon, dovrebbero attraversare il sedime stradale, passando nel lato sud, dove non troveranno un marciapiede ma un viottolo di circa 50 centimetri: ai pedoni, infatti, è stato destinato un sentiero indicato solamente con segnaletica orizzontale, oltre ad essere occupato anche da qualche albero. Non oso immaginare dove possano passare i disabili in carrozzina, o le mamme con uno o più figli al seguito, che si ritrovano gomito a gomito con le biciclette”.

“Ma le elezioni comunali sono alle porte - ha concluso Parisotto - in questi dieci anni il sindaco Tommasi con le sue due giunte ha fatto poche cose, e spesso sbagliate, e questo progetto ne è la riconferma; non è rimasto che procedere con un po’ di ‘stucco e colore per ingannare l’elettore’. Posso comunque garantire che molto presto qualcuno dovrà rispondere, oltre che politicamente, anche in altra sede di questa ulteriore vicenda di spreco di denaro pubblico accaduta in tempi di restrizioni socio-economiche causa Covid”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl