you reporter

Chioggia

Il grido di dolore dei ristoratori chioggiotti

In tanti davanti al municipio per l'iniziativa di Esercenti commercianti Chioggia. Presenti i consiglieri regionali Speranzon, Dolfin e Montanariello

17/04/2021 - 21:16

Il grido di dolore dei ristoratori di Chioggia si è levato il pomeriggio di sabato 17 aprile, davanti al municipio, nel corso della manifestazione organizzata dal gruppo Esercenti commercianti Chioggia, che ha visto anche la partecipazione di vari consiglieri regionali e qualche figura del mondo dello spettacolo. La manifestazione, con a capo l’organizzatore Felice Tiozzo, proprietario del ristorante “La Taverna da Nadia e Felice” di Chioggia e presidente dell’associazione Esercenti commercianti Chioggia, è stata pacifica ma d’effetto, svolta nel rispetto delle norme anti-Covid.

Molte le persone presenti in piazza, che hanno ascoltato con curiosità le testimonianze dei vari ristoratori. Infatti, la manifestazione è stata organizzata per protestare contro la prolungata chiusura di ristoranti e bar e per il poco interesse che, secondo i ristoratori, l’amministrazione comunale dimostra nei loro confronti. Tra i ristoratori, a prendere la parola Caterina, titolare del ristorante Antica Osteria al Cavallo e Paola, proprietaria del ristorante La Sgura di Chioggia. Prima e dopo di loro, Felice Tiozzo, che sostiene ciò che è stato detto dalle due ristoratrici e aggiunge: “Non serve avere un ristorante per capire le nostre difficoltà. Speriamo davvero di avere sostegno dalla popolazione perché solo uniti possiamo fare la differenza”.

“Un aiuto lo abbiamo ricevuto dal senatore Luigi Paragone, il quale ha realizzato una diretta Facebook in queste ore per sostenerci. Invece, pure le associazioni di categoria non ci hanno aiutato”. Oggetto di protesta non è solo la prolungata chiusura di questi mesi, ma anche vari interventi a livello locale. La protesta è avvenuta anche per manifestare contro la proposta di dichiarare nel centro storico la Ztl, che in mancanza di parcheggi andrebbe a causare molto disagio.
Inoltre, per non aver ancora ricevuto i ristori per l’acqua alta dell’inverno 2019, i quali sono già disponibili a Venezia, per l’imposta Tari e per la decisione del sindaco Ferro di concedere i plateatici gratuitamente solo fino a giugno. Sindaco che era tra i tanti ad ascoltare le parole dei ristoratori e che, chiamato a intervenire, ha preferito soprassedere. A sostegno dei manifestanti, sono intervenuti anche vari consiglieri regionali: Raffaele Speranzon di Fratelli d’Italia, Marco Dolfin della Lega e Jonatan Montanariello, consigliere del Partito Democratico.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl