you reporter

Chioggia

“No” della Soprintendenza ai plateatici in Riva Vena

Il diniego fa infuriare i ristoratori e i baristi chioggiotti

“No” della Soprintendenza ai plateatici in Riva Vena

La Soprintendenza boccia il progetto di installazione dei plateatici per le attività economiche di riva Vena a Chioggia. La notizia di qualche giorno fa preoccupa non poco i ristoratori. E’ infatti dal 2010 che si parla di plateatici in acqua per permettere ai turisti di cenare direttamente sull’acqua. Undici anni sono passati e il “no” della Soprintendenza pesa come un macigno. Le motivazioni non sono ancora ufficiali, ma due sono state ormai sdoganate: i pontili non permetterebbero di mantenere la navigazione nel canale e la loro presenza non permetterebbe agli edifici storici di specchiarsi nel canale.

Tra i commercianti e ristoratori della zona serpeggia un certo fastidio, ma la questione è ora nelle mani di Ascom che si occuperà, in prima linea assieme al Comune, di trovare una soluzione per ripresentare il progetto e ottenere il fatidico “sì”. “Lunedì ci sarà un incontro proprio con Ascom - racconta uno dei ristoratori - di sicuro non abbiamo preso bene il parere negativo della Soprintendenza. Canal Vena non è il canal Grande, la Capitaneria di Porto ha già reso noto più volte che è navigabile solo per le imbarcazioni che vanno ad attraccare. Inoltre il ponte di San Giacomo e la passerella costruita davanti alla chiesa della Santissima Trinità per permettere ai disabili di raggiungere corso del Popolo sono di per sé già degli ostacoli che impediscono la navigazione completa del canale”.

Si spera che riducendo la grandezza dei pontili, magari da 4 metri a 2,8, si possa ovviare alle problematiche sollevate dalla Soprintendenza. “Per noi comunque si tratta di un danno economico notevole se continuerà la rigidità e il no assoluto a tutto. Le nostre attività - continua il ristoratore - negli anni hanno resistito a tutto: ai lavori per il Baby Mose, al degrado, hanno investito fiduciosi che, prima o poi, sarebbe arrivata la svolta. Ci auguriamo che le associazioni e il Comune si facciano sentire e ci possa essere una mediazione con la Soprintendenza”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl