you reporter

I lavoratori di Veneto Agricoltura <br/> contro i tagli alle giornate lavorative

42738
PORTO TOLLE - Una cinquantina di lavoratori si sono riuniti ieri mattina davanti ad uno dei siti di Veneto Agricoltura, in località Pradon nelle vicinanze di Ca’ Mello, per avere delle risposte dalla Regione Veneto in merito al taglio delle giornate di lavoro.

I quattro siti sperimentali e di ricerca della provincia di Rovigo, ovvero Rosolina, Pradon, Valle Bonello di Santa Giulia e Sasse-Rami di Ceregnano, dove è presente l’attività, hanno partecipato ad un’assemblea insieme alle rappresentanze sindacali Uil-Uila, Cisl-Fai, Cgil-Flai, con i responsabili della sezione agricoltura, rispettivamente Silvana Mantovani, Stefano Laurenti e Lauro Biolcati.

Una riunione di due ore seguita da una conferenza stampa. “Abbiamo deciso di fare questa assemblea – queste le parole del sindacalista Stefano Biolcati – per decidere quali siano le iniziative da intraprendere in questi giorni. Purtroppo, per quanto concerne i lavoratori di questi centri, sono state tagliate le giornate di lavoro da 165 a 120. Vuol dire perdere salario e disoccupazione agricola che viene pagata in base alle stesse. Questo è un disagio grande perché parliamo di lavoratori precari perché stagionali”.

Dalla parte dei lavoratori pure la sindacalista Silvana Mantovani: “Speriamo che la politica si mostri punto di riferimento, ci ascolti e riesca ad aumentare il capitolo di 625mila euro per dare garanzia ai lavoratori come negli anni precedenti”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl