you reporter

La centrale di Porto Tolle<br/>si "converte" al turismo

centrale[1].JPG
ROVIGO - Da centrale elettrica a resort turistico e centro di promozione ambientale. Potrebbe essere questa la nuova vita dell’area di Porto Tolle che per anni ha ospitato la centrale termoelettrica.

L’Enel, titolare del sito, ha avviato un progetto su scala internazionale, che prevede un bando di gara per un concorso di idee per la riqualificazione di 23 centrali elettriche dismesse o in via di dimissione. Fra queste anche l’impianto di Polesine Camerini per il quale l’opzione di conversione a carbone è ormai tramontata da tempo.

E proprio per il sito bassopolesano sono già due le manifestazioni di interesse che sono state presentate e che sono in grado di dare nuova vita, e prospettiva, all’area che sorge sulla costa del delta.

Le due cordate sono entrambe venete, una formata anche e soprattutto da imprenditori polesani, l’altra a matrice veneziana. Entrambe le proposte, ancora in fase di definizione, sono a vocazione turistico-alberghiera.

L’area di Porto Tolle, quindi, si prepara ad una nuova vita, con una vocazione turistica e ambientale, un progetto in grado di rilanciare investimenti, sviluppo ed economia dell’intero territorio polesano. E soprattutto il via libera alla bonifica e al recupero dell’area.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl